Pomezia, che gaffe: annuncia Evacuo, ma è il fratello

Il Pomezia, squadra di Serie D, compra il giocatore giusto ma annuncia l’Evacuo sbagliato. Al posto del famoso bomber è arrivato il fratello.

Il Pomezia compra un bomber ma non è Felice Evacuo, quello che i tifosi avevano sognato, anche se solo per pochi minuti. Il calciomercato estivo regala anche pagine al limite dell’assurdo. Come la situazione che hanno vissuto nelle ultime i tifosi della squadra laziale che milita in Serie D.

Il club dal suo sito ufficiale, ha annunciato l’acquisto dell’estate, quello in grado di cambiare realmente i destini del campionato. Perché secondo il Pomezia a vestire la maglia rossoblu da ora e per tutta la stagione sarebbe stato Felice Evacuo, punta classe ’82 cresciuto nel settore giovanile della Lazio (qui anche il suo esordio in Serie A) e autore di 216 reti in carriera tra i professionisti. La passata stagione era stato al Trapani contribuendo alla promozione dei siciliani in Serie B, strano che accettasse di scendere in Serie D ma ci poteva stare.

Solo che ad essere acquistato è stato Davide Evacuo. Stesso cognome, certo, perché si tratta del fratello minore. Ed è stato tutto chiaro quando sul sito del club è stata pubblicata la foto del direttore sportivo del Pomezia, Alessandro Mezzina, accanto a Davide Evacuo. Subito in rete sono arrivate segnalazioni da diversi tifosi e addetti ai lavori. Così il Pomezia ha dovuto fare marcia indietro.

Leggi anche: Benevento, capitan Evacuo fa infuriare gli ultras. Ecco cosa è successo

Il Pomezia si scusa e corregge il tiro

L’acquisto era corretto, quello sì. Ma tutto il comunicato stampa no perché riportava la carriera di Felice Evacuo. Così, ecco la smentita con scuse incorporate. “Tifosi rossoblù, ci scusiamo per l’errata comunicazione precedente dovuta ad un’errata comprensione di chi scrive. Siamo lieti di annunciare l’arrivo di Davide Evacuo, attaccante classe 1987. Ci scusiamo anche nei confronti degli addetti ai lavori e degli organi di stampa per l’errore precedente”.

Tutto sommato però è andata meglio rispetto a quanto accaduto un mese fa in Turchia. Il Menemenspor, società della serie B turca. Voleva comprare Lamin Jallow, attaccante senegalese di 24 anni della Salernitana. In Turchia però, per motivi a tutt’oggi mai chiari, si è presentato Alpha Jallow, centrocampista del GD Alcochetense (serie C portoghese).

Il club, rimediata la figura, ha eliminato il problema alla radice dichiarandolo non idoneo dopo le visite mediche. Intanto però l’altro Jallow, quello vero, è rimasto alla Salernitana.