L’ex portiere Petrachi del Lecce accusato di spaccio di cocaina

L’ex portiere Petrachi del Lecce è attualmente sotto processo per spaccio in concorso. L’estremo difensore che ha giocato anche in Serie A oggi dovrà presentarsi davanti ad un giudice per comprendere cosa sarà di lui. 

L’ex portiere del Lecce Davide Petrachi oggi dovrà presenziare davanti ad un giudice. In particolare l’uomo dovrà presentarsi per comprendere se ci sarà la conferma dell’arresto ritardato, disposto dal Procuratore Aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia Guglielmo Cataldi. Il fermo del portiere è avvenuto grazie a delle intercettazioni ed all’utilizzo di portieri sotto copertura. Sarò inoltre compito del gip decidere se confermare o meno il carcere per il 33enne.

L’ex portiere Petrachi del Lecce è sotto processo per spaccio

Davide Petrachi è un ex calciatore professionista. L’uomo infatti ha iniziato come calciatore nel Lecce ed ha anche collezionato una presenza in Serie A, la massima serie del calcio italiano. Il calciatore ha collezionato 14 presenze in Serie D, 2 in Coppa di Serie C, 2 in Supercoppa Primavera, 1 in Serie B e diverse presenze nei vari giorni di C. Nato il 14 agosto 1986 r quindi da poco più che una settimana 33enne, vanta anche 2 partite con la Nazionale Under19. Il calciatore è finito al centro dell’inchiesta soprannominata “Movida”, che ha sventato un traffico di droga importante in diversi locali del leccese. I locali finito al centro dei riflettori sono il Ficodindia, La Darsena» e Birreghe. I proprietari dei locali hanno già annunciato la propria estraneità ai fatti e si sono messi al servizio delle forze dell’ordine.

LEGGI ANCHE —> Icardi annuncia: “Pronto per una nuova avventura? Sì”

La lista degli altri colpevoli

Adil Ghazi, 53enne di origini marocchine residente a Porto Cesareo; Vito Sacco, 19enne di Porto Cesareo; Luca Stefano Indirli, 20enne di Porto Cesareo; Nicola Guarna, 27enne di Bari; Antonio Peciccia, 50enne e Giuseppe Schito, 41enne, entrambi di Lecce; Carmelo Schillaci, 19enne, di Nardò; Marco Vetrugno, 41enne di San Pietro in Lama; Andrea Montinaro, 44enne di Vernole