Ex pilota muore a 87 anni: salvò 184 vite con un atterraggio d’emergenza

Salvò 184 vite durante un volo destinato a schiantarsi, oggi muore a 87 anni Al Haynes, eroe della United Airlines

Al Haynes era un pilota in pensione della United Airlines. A lui è stato attribuito il merito di aver comandato un jet paralizzato destinato ad un disastro aereo, atterrando 30 anni fa nello Iowa, salvando la vita di 184 passeggeri e membri dell’equipaggio.

Haynes è morto lunedì in un ospedale di Seattle, ma la causa non è stata ancora specificata. Haynes e il suo equipaggio riuscirono a far volare il DC-10 diretto a Chicago per circa 45 minuti dopo che il motore di coda si guastò il 19 luglio 1989. L’ atterraggio dello schianto all’aeroporto Sioux Gateway di Sioux City uccise 110 passeggeri e un membro dell’equipaggio. La Federal Aviation Administration ha citato Haynes e il suo equipaggio per il loro lavoro nella prevenzione di più morti, secondo lo Smithsonian National Air and Space Museum.

“Ad Al non è mai piaciuto associare il suo nome al termine ‘eroe’, non si è mai visto come tale”. Ha detto a KTIV Gary Brown, direttore dei servizi di emergenza nella contea di Woodbury, nello Iowa . “Ogni volta che ha parlato di quello che è successo quel giorno, ha parlato di tutto il suo equipaggio. Ha parlato degli assistenti di volo. Ha parlato dei passeggeri che hanno fatto ciò che dovevano fare, dei soccorritori e dell’intera comunità che si uniscono”.

Al Haynes ed il volo UA232 del 19 luglio 1989

Haynes è nato a Parigi, in Texas, e ha frequentato il Texas A&M College. Nel 1952 entrò nel programma di addestramento dei cadetti per l’aviazione navale. Ha prestato servizio come aviatore marino ed è stato rilasciato dal servizio nel 1956. È entrato in United Airlines nello stesso anno e ha lavorato come ingegnere di volo, primo ufficiale e capitano.

L’aereo del pilota Haynes stava volando da Denver quando ha sentito un botto, seguito da una breve vibrazione a circa 75 miglia a nord di Sioux City, ha detto alla CNN nel 2013. Il rumore era il suono di un disco della ventola del motore rotto che spuntava dal motore di coda. Il disco interruppe le linee idrauliche dell’aereo, interrompendo tutto lo sterzo e il controllo della velocità. “Quando il motore si è spento, l’aereo ha iniziato a girare a destra”, ha detto Haynes. “Se non lo avessimo fermato e si fosse capovolto sul dorso, sono sicuro che la caduta del naso avrebbe aumentato la velocità così velocemente che non avremmo mai potuto controllarlo”.

In qualche modo, Haynes, che era il capitano, insieme al primo ufficiale Bill Records, l’ingegnere Dudley Dvorak e l’istruttore Dennis Fitch hanno provato a riprendere il controllo dell’aereo regolando la potenza nei due motori rimanenti dell’aereo. Haynes e Records hanno lottato con la ruota di controllo, facendola girare a destra, in direzione dell’aeroporto di Sioux City. Fitch lottò in ginocchio mentre usava entrambe le mani per muovere le leve dell’acceleratore dell’aereo, che erano difficili da muovere.

Il saluto della United Airlines al suo eroe pilota

United Airlines ha dichiarato che la compagnia aerea è rattristata per aver saputo della morte di Haynes.
“Lo ringraziamo per il suo servizio durante la sua carriera allo United e per i suoi eccezionali sforzi a bordo del volo UA232 del 19 luglio 1989. La sua eredità durerà”, ha dichiarato United Airlines in una nota.