Lady Diana, ecco che fine hanno fatto i suoi abiti più iconici

Affascinanti come la sua vita, andiamo a vedere che fine hanno fatto gli abiti più iconici di Lady Diana, tra messi all’asta e ritrovati per caso

Oggi conosciamo tutti gli abiti indossati dalle figure più importanti del Regno Unito. Dai vestiti di Kate Middleton a quelli duchessa di Sussex Meghan Markle, fino ai quasi secolari abiti della Regina Elisabetta. Al 22esimo anno dalla morte di Lady Diana, è lecito chiedersi che fine hanno fatto gli eleganti abiti indossati dalla principessa di Galles.

La principessa è stata una delle icone di stile più importanti del Novecento. Diana fu una delle prime figure di fama internazionale, a capire quanto fosse importante la moda all’occhio del pubblico per lanciare messaggi.

Gli abiti indossati da Diana fecero la storia del costume e hanno lasciato un’impronta indelebile nell’immaginario collettivo. Alla sua morte i suoi vestiti non sono stati rinchiusi da nessuna parte, anzi. Infatti gli abiti della principessa continuano a vivere, e sono il fiore all’occhiello dei più grandi collezionisti del mondo. Sono numerosi i capi di Lady D venduti all’asta. Solo nel giugno del 2019, tre capi da giorno di Diana, considerati molto rari, sono stati venduti a 260mila sterline, circa tre volte il prezzo di partenza. Non si sa ancora il nome del collezionista che li ha recuperati, ma si sa che è lo stesso per tutti e tre gli abiti.

Per l’esperta Kerry Taylor, proprietaria di una casa d’asta, che mentre è più facile rintracciare gli abiti da sera, per quelli indossati in occasioni formali la via si fa più tortuosa. Infatti Diana era solita regalare i suoi abiti formali ad amiche o associazioni umanitarie, per questo alcuni di questi vestiti, sono letteralmente scomparsi.

Lady Diana, il destino degli abiti più iconici

Ad oggi siamo venuti a conoscenza solamente del destino di alcuni abiti della bionda principessa. In uno dei lotto venduti dalla casa d’asta di Kerry Taylor, è finito un completo di lana rossa creato da Jasper Conran , indossato da Diana in varie occasioni. Poi un delizioso abito a pois color pesca della sua designer del cuore Catherine Walker sfoggiato nel 1988 in presenza dell’allora presidente della Turchia. Ed infine un abito a righe bianche e blu di David e Elizabeth Emanuel,con sottoveste coordinata visto nelle tournée reale in Bahrein nel 1986.

Non si sa il nome dell’appassionato che si è aggiudicato questi tre prestigiosi abiti, sappiamo solamente che è californiano e che per ottenere il lotto ha speso intorno ai 50mila dollari. Insieme ai tre abiti, l’uomo si è portato a casa anche la felpa blu con cui andava in palestra Diana.

Il capo meno quotato era un regalo di Richard Branson, che la principessa a sua volta donò alla sua personal trainer, Jenni Rivett. Proprio quest’ultima ha deciso di mettere all’asta il capo, per giunta non lavato, aggiungendoci un bigliettino firmato dalla stessa Diana, alla causa di una famiglia del Malawi che recitava: “So che anche Diana ne sarebbe felice, se fosse ancora viva“.

Una storia particolare invece la riserva l’abito avorio disegnato dai fedeli David ed Elizabeth Emanuel indossato in occasione di una cena di stato in Bahrein nel 1986. Nel 1994 una governante di Herefordshire, entro in un negozio per vendere il vestito ad una commessa a soli 200 dollari. La commessa sapendo dell’importanza del vestito lo indossò durante una ballo del circolo della caccia. Poi si dimentico e ripose l’abito in un ripostiglio. un documentario risvegliò la sua memoria, mise l’abito all’asta per poi rivenderlo per la bellezza di 161mila sterline.

L’impegno della principessa con le missioni umanitarie

Poche settimane prima di morire fu proprio Lady Diana a mettere all’asta 79 abiti per raccogliere fondi per la ricerca sul cancro e per il sostegno alle persone malate di Aids. Diana affermava sempre che quella di mettere i suoi vestiti all’asta fu un’idea di suo fratello William. All’asta che si tenne da Christie’s il 25 giugno 1997 furono raccolti ben oltre 3milioni di dollari per le sue cause. Una cifra davvero sbalorditiva, se si pensa che dopo la morte di Lady Diana, il prezzo degli stessi vestiti poteva essere triplicato. A quella famosa asta parteciparono, oltre a gente comune, anche diversi collezionisti di alta moda.

L’abito fatto da Christina Stambolian, indossato da Lady D nel giugno del 1994, è stato venduto alla famosa asta da Graeme Mackenzie per 74mila dollari. Mentre il vestito da sera disegnato da Victor Edelstein di velluto color blu notte, famoso per un ballo con John Travolta nel 1985, riuscì ad essere venduto per circa 125mila dollari.

Dove trovare gli abiti di Diana

Ma la domanda che ci poniamo è, noi comuni mortali, dove possiamo godere della vista degli abiti di Lady Diana?

La risposta è molto semplice. Essendo sparsi per il mondo, un luogo che li raccolga tutti non c’è. Però per il 20esimo anniversario della scomparsa della principessa, Kensinton Palace, è riuscita ad ospitare una mostra intitolata: ” Diana: Her Fashion Story“. La mostra permette di ripercorrere l’evoluzione dello stile della principessa. Attraverso vari capi, si potrà notare come Diana è riuscita sempre ad essere la moda.

La mostra però, si è chiusa lo scorso 17 febbraio, ed è riuscita ad attrarre oltre un milione di visitatori da tutto il mondo. La mostra ha lasciato spazio ad un’altra esposizione dedicata alla principessa del Galles.

Intitolata Diana: Designing for a Princess, si ripercorrerà lo stile di Lady D, attraverso alcuni schizzi dei suoi designer prediletti, tra questi il noto David Sassoon. Su ogni opera dell’esposizione ci sarà un’annotazione personale di Diana in cui rivela la passione che metteva anche in quest’aspetto della sua vita, che le ha permesso di diventare ulteriormente leggendaria.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sul mondo del Gossip, CLICCA QUI !