Fabio Gaudenzi, video shock: il braccio destro di Carminati fa nomi e cognomi

Oggi Fabio Gaudenzi, altro esponente della destra armata romana, è stato arrestato. Ma prima ha registrato un paio di video postati su Youtube.

Fabio Gaudenzi, ex braccio destro dellx leader dei NAR Massimo Carminati, è stato arrestato oggi a Roma. Ma l’operazione degli investigatori è diventata un caso. Perché poco prima di consegnarsi, o farsi arrestare (ancora non è chiaro) ha registrato un paio di video postati su Youtube.

“Buongiorno a tutti – ha esordito Gaudenzi, armato di pistola. nel video – ho pochi minuti perché stanno arrivando, mi stanno per arrestare. Vorrei fare delle dichiarazioni, mi consegnerò come prigioniero politico”. Ex leader del gruppo Opposta Fazione, uno dei gruppi che fanno parte degli ultras romanisti, Gaudenzi conosceva molto bene Fabrizio Piscitelli ‘Diabolik’, recentemente assassinato. E anche di questo ha parlato nel filmato: “Mi sto consegnando al Questore di Roma e parlerò del mandante dell’omicidio di Fabrizio Piscitelli e di tanto tanto altro. Ma solo con il dottor Gratteri. Perché questa è la mafia vera, e non quella del 2014”.

Poi ha rivendicato di far parte “di un gruppo elitario denominato ‘I fascisti di Roma Nord‘ “con a capo Massimo Carminati. E ora vi do la lista: Fabio Gaudenzi, Fabrizio Piscitelli, Luca Caroccia, Fabrizio Caroccia, Elio Di Scala, Maurizio Boccacci, Brugia Riccardo e Massimo Carminati. Mi consegno consapevole di subire dei processi, ma vorrei essere processato e se giusto condannato per banda armata. Come dovrebbe essere per Massimo Carminati e Riccardo Brugia”.

Nessuno di loro è mafioso, ma solo fascisti: “A Massimo Carminati la mafia fa schifo, la droga fa schifo e anche a me fa schifo tutto questo, ma ne parleremo presto”.

Leggi anche: Agguato a Roma, ucciso Fabrizio Piscitelli

Fabio Gaudenzi promette vedetta per gli assassini di ‘Diabolik’

Per quello che riferisce ‘Il Messaggero’, questa mattina i vicini di casa avevano segnalato di aver sentito alcuni colpi di arma da fuoco. Una volta intervenute sul posto le forze dell’ordine, Gaudenzi avrebbe chiesto di parlare con la polizia. Poi si sarebbe consegnato.

Ma sui social è comparso anche un altro video, che però non è chiaro se sia un fake o un vero preambolo. “Oggi primo settembre 2019 è un giorno davvero speciale. Prima di tutto perché tra pochi minuti inizierà il derby e per uno come me non ha più nessun valore. Oggi per la prima volta allo stadio non ci sarà Fabrizio Piscitelli e per chi sa è un segnale importante. Perché prima di essere un trafficante di droga, un grande ultras e un vero amico, Diabolik era prima di tutto un camerata. L’ultimo, insieme a me, del gruppo storico dei fascisti di Roma Nord”.

Già ieri ribadiva di volersi consegnare alle forze dell’ordine perché dopo trent’anni è rimasto solo contro tutti. Ma ha ancora molto da dare e da dire: “Fabrizio, sto consegnando al diavolo una lista di nomi di donne, m**de nei nostri confronti”. Fa anche dei nomi, tutti da verificare e approfondire con l’attività investigativa.