Italia, che fatica: azzurri dilagano nel finale con l’Armenia

Italia, che fatica: la nazionale emerge nel secondo tempo, gli azzurri dilagano nel finale con l’Armenia e conquistano tre punti fondamentali.

Il punteggio sicuramente non rispecchia i reali valori in campo: l’Armenia al cospetto degli azzurri è poca cosa. Passata in vantaggio dopo 11 minuti con un gol di Aleksandre Karapetian, poi espulso nel finale di tempo, la formazione dello Stato dell’Ex Unione Sovietica, si dissolve nel finale di partita. Nel primo tempo, gli azzurri arrancano ma poi la raddrizza Belotti su assist di Emerson. Poco dopo, la traversa di Bernardeschi.

Italia emerge nel finale di secondo tempo e batte l’Armenia

Il secondo tempo, complici stanchezza degli avversari e superiorità numerica, gli azzurri se la giocano molto meglio. Segna subito Emerson su cross di Barella, ma la marcatura viene annullata. La palla infatti è uscita al momento del cross. La squadra italiana insiste, ma gli armeni non demordono e nonostante l’inferiorità numerica se la giocano a viso aperto. A 12 minuti dalla fine la svolta: cross dalla trequarti destra di Bonucci per Pellegrini. Questi di testa infila un colpevole Airapetyan.

Appena tre minuti dopo, l’Armenia capitola definitivamente: Belotti, spalle alla porta, controlla il pallone e lo calcia di sinistro in girata. La palla prende il palo, ma stavolta Airapetyan è sfortunato: colpito dal pallone alla schiena. Per lui è autogol. Totalmente dissolta la resistenza della formazione di casa, l’Italia sbaglia il gol del 4-1 e si vede annullare una rete per fuorigioco. Finisce così e per gli azzurri è la quinta vittoria consecutiva. Sempre più padroni del loro girone.