Chi era Ruth Pfau, protagonista del doodle odierno di Google

90 anni fa nasceva Ruth Pfau, suora e dottoressa pakistana che per anni ha contribuito a curare i malati di lebbra in Pakistan

Dedicò oltre 55 anni della sua esistenza a curare i malati di lebbra, stiamo parlando di Ruth Pfau. Oggi Google ne celebra il 90esimo anniversario della nascita, dedicandogli il suo doodle. Pfau è anche ricordata come “Madre Teresa del Pakistan“. Come detto, per anni ha lavorato al servizio dei lebbrosi, riuscendo a fondare ben 157 cliniche. Le cliniche fondate da Pfau, nella loro esistenza, hanno curato ben 56mila pazienti.

Ruth Pfau, la biografia

Pfau nacque a Lipsia il 9 settembre del 1929, in Germania, in una famiglia protestante. Durante il secondo dopoguerra, riuscì a fuggire dalla Germania dell’Est, per trovare riparo con la famiglia nella Germania Ovest. Qui studiò medicina, negli anni Cinquanta, all’Università di Magonza. All’incontro con una donna che riuscì a sopravvivere ai campi nazisti, Ruth decise di dedicare la sua vita al perdono e amore. Dopo la conoscenza della donna, Pfau si convertì al cattolicesimo nel 1953.

Quattro anni dopo la sua conversione, entrò nella Società delle figlie del Cuore di Maria, una congregazione di suore dedicata principalmente all’istruzione e all’educazione dei giovani. Iniziò a compere missioni nell’India, poi si sposto prima in Afghanistan ed infine in Pakistan. Qui con il suo amore e la voglia di aiutare il prossimo, riscosse tantissima popolarità tra il popolo pakistano.

Qui iniziò la sua lotta contro l’epidemia della lebbra, in quella circostanza Pfau affermò: “Non potevo credere che ci fossero esseri umani che vivevano in quelle condizioni“.

Dal lavorare in una capanna nei pressi di Karachi, la città più popolosa del Pakistan, finì per lavorare alla fondazione del Centro per lebbrosi Maria Adelaide. In breve tempo la clinica divenne no dei punti di riferimento per i malati, sia per il Pakistan che per i paesi confinanti. Negli anni la clinica si specificò anche nella cura della tubercolosi e nella prevenzione delle malattie della vista.

Al 50esimo compleanno, Pfau ricevette dal ministero della Salute pakistano l’incarico di Consigliere federale sulla lebbra, un riconoscimento importante e che le consentì di esplorare altre aree del Pakistan e organizzare nuovi centri di cura. In seguito riuscì a ricevere sia donazioni per una nuova clinica, sia la cittadinanza pakistana. Grazie all’impegno della suora, la malattia fu dichiarata sotto controllo dal paese nel 1996, con una grande riduzione di malati di lebbra.

La morte

Pfau Ruth si spense il 10 agosto del 2017 a 87 anni, dopo essere stata ricoverata in un ospedale di Karachi per problemi respiratori. Per il suo impegno il Pakistan gli dedicò i funerali di stato, con una grande cerimonia nella attedrale di San Patrizio di Karachi. Il suo ruolo nella riduzione dei casi di lebbra fu riconosciuto anche dalla comunità musulmana del Pakistan.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulle notizie di Cronaca, CLICCA QUI !