Spettacolo sui Monti Sibillini: fotografata la Gloria Solare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:49

Gloria Solare o Spettro di Brocken la fotografa Monica Capretti riesce a catturare il momento

I Monti Sibillini sono una catena montuosa che si espande per 40 km tra le Marche e l’Umbria toccando le province di Ascoli Piceno, Fermo, Macerata e Perugia. Si tratta del quarto massiccio montuoso più alto dell’Appennino, la vetta più alta è il Monte Vettore di 2476 metri. “Magici per natura” lo slogan che accompagna il sito ufficiale di questa meta turistica, ma che rispecchia la realtà. Protagonista di tante leggende, la catena montuosa è una meta molto visitata anche per la bellezza naturalistica che spesso viene impressa con macchine fotografiche. A far visita ai Monti Sibillini, questa volta, Monica Capretti fotografa che riesce a catturare la Gloria Solare.

Gloria Solare o Spirito di Brocken, di che si tratta

Tra le tante leggende che albergano sui Monti Sibillini e i tanti aspetti magici, la fotografa Monica Capretti è riuscita a catturarne una. La Gloria Solare è un semplice fenomeno ottico che fa sembrare però il tutto sorprendente perché visibile soltanto in rarissime condizioni. E’ visibile in direzione opposta a quella del Sole, si osserva più comunemente quando si è in volo, con la gloria che circonda l’ombra proiettata dall’aeroplano sulle nuvole. Somiglia ad un arcobaleno, infatti può avere uno o multipli anelli colorati. La dimensione angolare però, è molto minore di quella di un arcobaleno, circa da 5° a 20°, a seconda della dimensione delle goccioline.

Si tratta di un effetto ottico prodotto dalla luce riflessa verso la sua fonte da una nuvola di goccioline d’acqua di dimensioni uniformi. Più concretamente, essa è un’illusione di un enorme ingrandimento dell’ombra proiettata dall’osservatore, quando il Sole è basso – spiega Wikipedia – sulla superficie delle nuvole che circondano una montagna su cui l’osservatore si trova. Solitamente è caratterizzata dalla presenza di una corona luminescente intorno al capo o comunque alla parte più alta della figura.

LEGGI ANCHE: LUNGO IL FIUME ARNO UN’APPARIZIONE CHE HA DELL’INCREDIBILE – VIDEO