Accasaccio, chi è una delle band ai bootcamp di X Factor

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:35

Accasaccio, scopriamo la band che partecipa stasera ai bootcamp di X Factor

Nel momento dell’esibizione ogni coach deciderà se farli sedere sulle sedie o meno e portarli nella fase successiva, gli home visit. Se si guadagna una sedia, non è detto che ci si resti per sempre: possibile che durante la puntata si debba fare spazio ad un compagno e si è fuori.

I primi due gruppi ad esibirsi saranno i gruppi, guidati da Samuel e le donne under guidate da Sfera Ebbasta. Entrambi, su 12, dovranno sceglierne soltanto 5, meno della metà. Un compito arduo li aspetta, ma che vinca il migliore.

LEGGI ANCHE: X Factor, al via ai Bootcamp: le anticipazioni di stasera

La forte chimica musicale tra i suoi membri ha portato con il tempo il gruppo degli Accasaccio a sperimentare e innovare, dando vita non a semplici live ma a vere e proprie feste in musica. Un gruppo nato davvero per pura casualità, situazione che ha definito di conseguenza il loro nome, arrivando a una fama indiscussa nel territorio salentino e non solo. Ritmi dalla natura travolgenti, anime energiche e vibranti, sanno in ogni occasioni gettare le basi per dei concerti unici capaci di far ballare chiunque, coinvolgendo cover dei più prestigiosi artisti che hanno mai segnato il panorama musicale mondiale.

I pezzi di Battisti, Celentano, Lucio Dalla, ma anche Carosone, Manu Chao, Marley e McFerrin si alterneranno alle tipiche melodie salentine. La loro creatività e voglia di espressione, hanno dato vita e continuano a farlo, a brani inediti che miscelano ritmi patchanka-reggae a quelli folk salentini, suoni sintetici a quelli aborigeni australiani, fraseggi e ritmiche di chitarra e ukulele a quelli di un violino virtuoso e liriche melodiche e corali, energiche ed espressive.

Gli Accasaccio ospitano tra le loro fila artisti eclettici e particolarmente abili, come Gianmarco Monteforte alla voce e ukulele; Emilio Maggiulli alla voce, chitarra, loop fx; Davide Corsano alle tastiere, synth; Gioele Nuzzo a tamburello, cajon, e didgeridoo; Peppe Giannuzzi al violino; Lucio Stefano alla batteria;