Gli sprechi dello Stato ci costano 200 miliardi: il dato choc

Sprechi dello Stato, il passivo è di 200 miliardi di euro all’anno: quasi il doppio di quanto si registra con l’evasione fiscale. Il dato choc è sottolineato dalla CGIA di Mestre

200 miliardi all’anno, è questa la cifra annuale relativa agli sprechi dello Stato. Lo evidenzia la CGIA di Mestre, la quale sottolinea come le inefficienze pubbliche gravino su imprese e cittadini. Lo sperpero istituzionale, infatti, è addirittura maggiore dell’evasione fiscale che si registra ogni anno solare. Quasi il doppio, considerando che nel secondo caso parliamo di circa 110 miliardi all’anno.

Sprechi dello Stato, ecco le maggiori perdite

Così nel rapporto Stato-contribuenti, sono i secondi quelli più lesi. L’agenzia ha elencato anche dove si annidano i maggiori sprechi della pubblica amministrazione. Al primo posto c’è la burocrazia, seguita dai debiti commerciali e con le infrastrutture a completare il podio.

  • burocrazia: 57 miliardi;
  • debiti commerciali della Pubblica Amministrazione: 53 miliardi;
  • infrastrutture: 40 miliardi;
  • giustizia: 40 miliardi;
  • spesa pubblica: 24 miliardi;
  • sanità: 23,5 miliardi;
  • trasporto pubblico locale: 12,5 miliardi.

Non il massimo dell’esempio, insomma. Anche per quanto riguarda la legalità in generale. Perché il Bel Paese – ricorda sempre la CGIA – detiene attualmente ben 71 procedure di infrazione ancora aperte nei confronti dell’Unione Europea, di cui 64 casi di violazione del diritto dell’Unione e 7 di mancato recepimento delle politiche europee. Dal 2002 ad oggi, sono state ben 1.358: un record nel continente.

A causare danni economici alla popolazione non sono soltanto gli sprechi citati, ma anche “gli effetti negativi procurati dal mancato rispetto delle norme e dei regolamenti vigenti”. Secondo l’associazione dei piccoli imprenditori e artigiani di Mestre, “il record di infrazioni europee subite dal nostro Paese fino ad oggi dimostra che le nostre istituzioni pubbliche devono migliorare tantissimo”. La legalità deve essere rispettata da tutti. Dallo Stato in primis.

Leggi anche: Meteo – Italia divisa in due: piogge al Sud, schiarite al Nord