Marco Tardelli, i ricordi: i Mondiali 1982, la carriera, la sua famiglia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:48

Chi è Marco Tardelli, i ricordi dell’ex calciatore e allenatore di calcio: i Mondiali 1982, la carriera in campo e panchina, la sua famiglia.

(foto pubblico dominio)

Marco Tardelli, l’ex calciatore, che con il suo urlo dopo il gol del due a zero segnato nella finale mondiale di Madrid divenne il simbolo di quella Coppa del Mondo e della nazionale di Bearzot, è considerato uno dei migliori centrocampisti della storia del calcio europeo. Infatti, in alcune speciali classifiche è inserito nei primi 50 più forti di sempre. Bandiera per un decennio della Juventus, con i bianconeri vinse praticamente tutto.

Leggi anche –> Europee, con il Pd ‘spunta’ Marco Tardelli. L’ex campione azzurro: “Non sono ferrato in politica”

Curiosità e aneddoti su Marco Tardelli

Toscano, oltre che con la Juventus ha giocato con Pisa, Como e Inter. La sua carriera si chiuse a San Gallo. Il palmares vede 5 scudetti, 2 Coppa Italia, 1 Coppa Uefa, 1 Coppa delle Coppe, 1 Coppa Campioni e 1 Supercoppa Uefa, tutte in maglia bianconera. Al termine dell’attività agonistica iniziò a lavorare saltuariamente come opinionista sportivo. Lunga anche la sua carriera di allenatore: Como, Cesena, Inter, Bari e Arezzo le formazioni sulla cui panchina è stato seduto.

Inserito nella Hall of Fame del calcio italiano nella categoria Veterano italiano nel 2015, ha anche allenato diverse selezioni giovanili della nazionale di calcio italiana. Anche in questo caso, ha conquistato diversi trofei. In particolare, con l’Under 23 ha vinto l’Oro ai Giochi del Mediterraneo di Bari nel 1997. Quindi nel 2000 ha vinto gli Europei di calcio Under 21 in Slovacchia. Soprannominato ‘Schizzo’, Marco Tardelli è molto legato alla sua famiglia e in particolare alla figlia Sara, con la quale nel 2016 ha scritto l’autobiografia “Tutto o niente – La mia storia”.

Leggi anche –> Tardelli: “Vi dico io come finirà Italia-Germania”