Michela Ansoldi, chi è e cosa fa la figlia di Iva Zanicchi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:33

Michela Ansoldi, figlia di Iva Zanicchi e mamma di Virginia. Scopriamo chi è

Dall’unione di Iva Zanicchi e Giovanni Battista Ansoldi, è nata Michela Ansoldi il 19 dicembre 1967. Soltanto cinque mesi prima, il 19 luglio, la coppia si è sposata a Bologna. Michela ha intrapreso tutt’altra vita, non ne ha voluto sapere del mondo dello spettacolo. Si è laureata in psicologia ed attualmente pratica questa professione. Ha due figli, Luca di 21 anni e Virginia di 16. Proprio quest’ultima, insieme a sua madre e sua nonna, IvaZanicchi, sono comparse una sola volta in TV. Le tre generazioni furono invitate in uno dei tanti salottini d’Italia, a Domenica Live. E’ l’unica apparizione delle donne in TV in quanto, la figlia della Zanicchi si è sempre tenuta lontano dai riflettori.

Molto spesso però, Michela ha dichiarato di aver sofferto del distacco della propria madre. Quando la primogenita è nata, infatti, nonostante abbia rubato tante attenzioni, Iva Zanicchi è subito stata ricatapultata nel mondo dello spettacolo con un’altra partecipazione a Sanremo. Quell’anno presentò il brano ‘Per vivere’, scritto da Umberto Bindi. Piuttosto un flop per la cantante: non solo non arrivò a fine concorso, ma non fece successo neppure commercialmente.

CLICCA QUI PER RESTARE AGGIORNATO SU TUTTE LE NEWS

Michela Ansoldi e Iva Zanicchi, rapporto frastagliato

“Mia figlia è una donna fuori dalla norma, eccezionale. Una mamma e una figlia meravigliosa. Non mi frequenta molto, ma ogni volta che ho bisogno lei c’è”. Iva Zanicchi professò queste parole d’amore nei confronti della figlia quando comparvero tutte in TV a Domenica Live“Quando è nata ero nel pieno della carriera, vincolata a contratti che dovevo rispettare e per questo l’ho lasciata troppo sola”. Questa invece la triste confessione che ha fatto alla rivista DiLei.

Iva Zanicchi non nasconde i sensi di colpa per non averla cresciuta quanto e come voleva: “Tutti gli anni andavo via un mese, io non l’ho mai vista piangere. A 18 anni compiuti, però, mi svelò che aveva sofferto tantissimo la mia assenza. Ho sbagliato a non portarla con me nei miei viaggi di lavoro perché volevo proteggerla, ora cambierei tutto”.