Batistuta: “Ho pregato affinché mi amputassero le gambe”

Batistuta felice su Instagram per l’operazione andata a buon fine. Ecco l’intervista

Gabriel Omar Batistuta, il grande ‘Batigol’ argentino di Fiorentina, Roma ed Inter è tornato su Instagram. Questa volta l’annuncio di un intervento andato a buon fine: “La prima tappa è superata, la protesi alla caviglia sinistra è già una realtà, ora ci stiamo avviando al recupero. Grazie per tanto amore e per la preoccupazione. Grazie al Dr. Beat Hintermann e al team per questo intervento che mi dà la speranza di tornare a camminare normalmente. Dico ai miei seguaci che sono in piena riabilitazione, quando sarò dimesso tornerò in Argentina. Ringrazio i miei fan incondizionati per il supporto”.

LEGGI ANCHE: Choc nella boxe: morto il pugile Patrick Day, colpito in un incontro

Le parole di Batistuta dopo l’intervento

Batistuta

“Le mie caviglie sono fragili per costituzione. Non ho mai potuto giocare al cento per cento. Sono stato torturato dalle distorsioni. Andavo avanti a furia di infiltrazioni e antidolorifici. – ha detto al Corriere dello Sport – L’impegno con la società, con il pubblico, con me stesso era troppo importante. Scendevo in campo in condizioni impossibili. Ero il Re Leone, Batigol il guerriero e stringevo i denti”.

“Appena smesso, mi sono ritrovato con le caviglie a pezzi – continua – Non avevo più cartilagine. Osso contro osso, su un peso di 86-87 chili: il minimo movimento diventava un tormento. Lo stesso problema di Van Basten, che ha detto basta a 28 anni. Certi giorni non riuscivo a scendere dal letto. Piangevo di rabbia e mi dicevo: non può finire così”.

Sulla famiglia: “La mia famiglia mi reclamava: ora puoi stare con noi. E invece soffrivo, stavo male. Così male che sono andato da un amico medico e gli ho chiesto di amputarmi le gambe. L’ho pregato, ho insistito. Gli ho detto che quella non era più vita”.

Su la protesi alla caviglia: “Una soluzione che rincorrevo da almeno sei-sette anni. Fra 40 giorni, tolto il tutore, sapremo se il dolore è scomparso e potrò finalmente camminare come una persona normale”.