Giappone, Il castello Shuri di Okinawa in fiamme, era Patrimonio Unesco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:25

Un terribile rogo in Giappone ha distrutto l’antico castello Shuri di Okinawa. Il luogo di grande interesse turistico era Patrimonio dell’UNESCO

Giappone
Giappone, l’incendio al Castello di Okinawa (via Getty Images)

Un vero e proprio disastro è anadato in scena nella notte giapponese. Infatti un terribile incendio ha letteralmente distrutto l’antico castello di Okinawa in Giappone. In terra nipponica il castello Shuri era una delle più grandi attrazioni turistiche, nonchè patrimonio UNESCO. In una notte è così scomparso un pezzo di storia della terra Nipponica.

Il castello, infatti prende nome dal quartiere Shuri della città di Naha. Il monumento architettonico risale al XIV secolo, in quel periodo regnava la dinastia dei Ryukyu, che stabilì il suo dominio sulle omonime isole fino al 1879, ossia fino all’integrazione nell’impero Giapponese. All’epoca il castello era un’autentica dimora dei sovrani, e la sede religiosa del regno delle Ryukyu.

Okinawa
Il maestoso Castello di Okinawa prima dell’Incendio (Via Getty Images)

Giappone, il terribile incendio nella notte

I Vigili del Fuoco locali, sono stati avvertiti dell’incendio alle ore 2:40 della notte, mentre in Italia erano le 18:40. Le fiamme hanno distrutto, oltre al castello anche altri sei degli edifici che compongono l’opera architettonica. I media locali, riportano proprio che l’incedio sia cominciato dalla struttura principale, colei che attrae ogni anno milioni di turisti.

Okinawa
Vigili del fuoco domano l’incendio al Castello di Okinawa (via Getty Images)

Fortunatamente, in seguito all’incendio nessuna persona è rimasta ferita. Nonostante ciò, i residenti delle zone circostanti, sono stati fatti evacuare. Solamente dopo nove ore di operazioni dei Vigili del Fuoco locali, si è riusciti a spegnere il rogo.

Il portavoce della prefettura di Okinawa, Ryo Kochi, ha affermato che al momento non sono chiare le dinamiche dell’incendio e non si è a conoscenza su cosa o chi l’abbia provocato. Inoltre Kochi ha aggiunto che in questi giorni era in corso nel castello, una manifestazione che celbrava e ricordava la storia del regno delle Ryukyu, proprio per questo erano in corso dei lavori conclusi entro l’una di notte. Il portavoce ha concluso dichiarando che questi lavori per la manifestazione, non c’entrano con la natura dell’incendio.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulle notizie di Cronaca da Mondo, CLICCA QUI !