Lavoro, disoccupazione giovanile in crescita: i dati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:50

La disoccupazione giovanile è in continua crescita da luglio. Di seguito i dati

Quest’oggi l’ISTAT (Istituto nazionale di statistica) ha reso noti quelli che sono i dati in merito al lavoro ed i suoi derivati (occupazione, disoccupazione). A settembre il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) è salito di 1,1 punti percentuali rispetto ad agosto (28,7%). La disoccupazione generale invece passa dal 9,6% di agosto al 9,9 del mese successivo, registrando quindi un +0,3%. Le persone in cerca di occupazione sono più di 73 mila. L’occupazione dunque, a settembre, scende dello 0,1% che rispecchia 32 mila unità. L’Istat spiega che il tasso resta stabile al 59,1%. Nel dettaglio aumentano i dipendenti a termine (+30 mila) mentre diminuiscono i dipendenti a tempo indeterminato (-18 mila) sia, soprattutto, gli ‘autonomi'(-44 mila). Il leggero calo è partito da luglio scorso, dopo la crescita occupazionale del primo semestre.

disoccupazione giovanile
disoccupazione giovanile (Getty Images)

Disoccupazione giovanile, l’idea de La Sapienza di Roma per contrastare il fenomeno

L’università La Sapienza di Roma sta sviluppando un programma di formazione che punta a ridurre la disoccupazione giovanile nelle isole europee formando 12 giovani ‘Not engaged in Education, Employment or Training’ (NEETs). Questi saranno selezionati tra i giovani residenti nelle varie isole italiane.

L’iniziativa fa parte del progetto europeo Youth Employment Network for Energy Sustainability in Islands (Yenesis) per l’occupazione giovanile. Ad esso partecipano diversi paesi, oltre il nostro, tra cui Portogallo e Spagna.

Il programma tratterà i temi dell’imprenditorialità e del business, ma anche delle energie rinnovabili, turismo e mobilità sostenibile. I 12 giovani dovranno avere tra i requisiti delle competenze specifiche nelle materie di cui abbiamo parlato poco prima. L’età dovrà essere compresa tra i 24 ed i 30 anni. Bisogna essere disoccupati o occupati con lavoro part-time o stagionale oltre che liberi da altri corsi di formazione e tirocini. I prescelti parteciperanno per le diverse attività di formazione e di tirocinio in Italia e all’estero senza dover sostenere alcun costo di iscrizione al corso e ricevendo inoltre il rimborso per tutti gli spostamenti e le spese per i viaggi annessi.

Leggi anche—> Leonardo Del Vecchio: ecco chi è l’uomo più ricco d’Italia