River Phoenix, 26 anni fa la tragica morte: chi era il fratello di Joaquin

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:22

26 anni fa la tragica morte di River Phoenix, fratello dell’interprete di Joker

River Phoenix a metà degli anni ’80 stava rubando gran parte della scena di Hollywood. Etichettato come un predestinato, un divo dal futuro assicurato, la sua morte prematura sconvolse tutta l’America e non solo. Primo di quattro fratelli, tutti artisti, oggi si conosce Joaquin Phoenix, l’interprete di Joker.

Il suo esordio davanti ad uno schermo televisivo avvenne all’età di 10 anni recitando in spot pubblicitari, serie e film televisivi. La svolta, da adolescente, con film come Stand by Me – Ricordo di un’estate, Mosquito Coast, Nikita – Spie senza volto, Vivere in fuga. Quest’ultimo gli valse a soli diciannove anni una candidatura al Premio Oscar come miglior attore non protagonista. Poi passò a film più complessi come Belli e dannati, Dogfight – Una storia d’amore, Silent Tongue, Quella cosa chiamata amore e Dark Blood. Quest’ultima pellicola rimase incompiuta proprio a causa del suo decesso.

River Phoenix
River Phoenix

River Phoenix, la morte

La notte del 31 Ottobre 1993 River si trovava al Viper Room, noto club di Los Angeles di proprietà dell’amico Johnny Depp. Con lui c’erano i fratelli, l’amico Dick Rude e la fidanzata Samantha Mathis. River era appena tornato a Los Angeles per trascorrere qualche giorno di riposo insieme agli amici e ai familiari.

Prima di recarsi al club, aveva iniziato a fare uso di droghe. Molte celebrità presenti quella sera hanno dichiarato di non averlo visto lucido fin dall’inizio. Ad un certo punto della serata River scomparve insieme ad alcuni spacciatori nei bagni del Viper Room e assunse una droga chiamata Persian Brown. Dopodiché iniziò a sentirsi male vomitando nel bagno in preda a forti tremori.

Preoccupato per le condizioni dell’attore, Frusciante gli diede tre valium e poco dopo River svenne. Quando riprese conoscenza lamentò difficoltà respiratorie e chiese di essere accompagnato fuori dal locale per prendere un po’ d’aria. Subito dopo essere uscito dal locale, davanti agli occhi del fratello e della compagna, collassò a terra ed ebbe cinque crisi epilettiche. A questo punto anche la sorella e gli amici andarono fuori dal locale guardando la scena, senza chiamare i soccorsi.

Quando però Joaquin si rese conto di ciò che stava accadendo al fratello, chiamò il 911. Il giovane Phoenix non fu in grado di determinare se il fratello respirasse. I soccorsi non giunsero in tempo, River morì così sul marciapiede davanti l’ingresso del locale. La causa della morte dell’attore fu un’overdose di droghe come Speedball, Valium, Efedrina e un anti-influenzale. River fu cremato il 4 Novembre 1993 e le sue ceneri furono disperse nel ranch della famiglia Phoenix a Micanophy in Florida.

Leggi anche—> Mario Giordano a “Fuori dal Coro”, si scaglia contro Halloween