Il leghista Iwobi si sfoga: “Mi chiamano nero da cortile, nessuno ne parla”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:17

Duro sfogo del senatore leghista Toni Iwobi. Il vicepresidente della commissione Esteri e responsabile Immigrazione del Carroccio tuona ai microfoni

Iwobi
Toni Iwobi si sfoga contro i commenti di Facebook (via WebSource)

Si sfoga il secatore leghista Toni Iwobi, contro i duri commenti che ogni giorno gli arrivano sui social.

L’esponente del Carroccio ha infatti dichiarato: “Da quando sono senatore ho dovuto sopportare una serie infinita di offese e derisioni recapitatemi da cosiddetti antirazzisti sulla mia pagina Facebook. Qui ono stato definito ‘nero di Django’, ‘ne*ro da cortile’, ‘ne*ro-verde asservito’, ‘manichino’, e in tanti altri inaccettabili modi. La rabbia e l’evidente intolleranza di queste persone, che querelerò come facilmente comprensibile, mostra odio e disprezzo che non posso essere giustificate dalla differente visione politica“.

Così il senatore ha voluto dire la sua sui commenti che legge ogni giorno sul suo profilo social, trovando inaccettabile i commenti di questo genere solamente per il diverso pensiero politico.

Iwobi, ribadisce la sua posizione su Facebook

Ma lo sfogo del vicepresidente della commissione Esteri e responsabile Immigrazione del partito, non è finito qui.

Infatti Toni ha concluso il suo post affermando: “Tengo a ribadire che nessun quotidiano ha mai mostrato il minimo interesse o la volontà di stigmatizzare queste barbarie. Nonostante ciò, non intimidiranno mai le mie convinzioni. Non cambierà la mia visione del mondo, la mia volontà di lavorare per il rispetto delle regole, della legalità e del vivere civile”.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulle notizie di Politica Italiana, CLICCA QUI !