Erin Moriarty, la bionda attrice del film Blood Father

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:37

Chi è Erin Moriarty, la bionda attrice del film Blood Father, nata a New York City nel 1994: la carriera della giovane diva di Hollywood.

(Instagram)

Erin Moriarty, nata a New York City, ha iniziato la sua carriera di attrice in un modo che molti aspiranti attori sognano: con un progetto riconosciuto da una borsa di studio. Quindi è apparsa per la prima volta sullo schermo nella soap opera nominata agli Emmy Una vita da vivere (1968) nel 2010. Ha interpretato il personaggio di Whitney Bennett in sei episodi. Nel 2011 ha realizzato il suo lavoro televisivo con un ruolo in un episodio di Law & Order: Unità Speciale (1999).

La carriera della giovanissima attrice Erin Moriarty

L’anno seguente, l’attrice classe 1994 ha ottenuto una piccola parte nel suo primo lungometraggio. Ha recitato al fianco di Ben Stiller, Vince Vaughn e Jonah Hill, è apparsa nella commedia fantascientifica Vicini del terzo tipo (2012). Ha iniziato così a essere sempre più presente nel mondo dello spettacolo. Nel ruolo di Natalie Walraven, figlia del personaggio di Radha Mitchell, Erin ha anche lavorato alla serie TV 2013 Red Widow (2013). È rimasta in TV nel 2014 e ha interpretato la figlia del duro personaggio di Woody Harrelson, Marty Hart, nella prima stagione del True Detective (2014) vincitore del premio Emmy e candidato al Golden Globe.

Rientra poi del cast della famosa serie d’azione sulla criminalità di Netflix Jessica Jones (2015). Nel 2016 in Captain Fantastic (2016), con Viggo Mortensen, ha interpretato il ruolo secondario di Claire. Nello stesso anno è nel cast del thriller d’azione Blood Father (2016), interpretato da Mel Gibson e William H. Macy. ‘Babyface’, come la chiamano anche, vorrebbe lavorare coi fratelli Coen e inoltre confessa: “Adoro le commedie romantiche… ma devono essere fatte bene, ma quando lo sono, sono fantastiche”. Attiva sui social, sul suo profilo Instagram ha oltre 300mila follower.