Lazio, Correa: “Grande intesa con Immobile, Kakà il mio idolo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:41

Lazio Correa ha parlato del suo momento nella squadra capitolina. Man mano il giovane attaccante della Lazio si sta confermando come uno dei migliori centravanti in Italia. 

Lazio Parma
Lazio Parma

Lazio Correa ha parlato del proprio momento nella squadra italiana. Il giovane attaccante centrale della Lazio sta facendo davvero molto bene e questo ha convinto Inzaghi a schierarlo con continuità. Per il calciatore molte presenze in Serie A, dove sta trovando una continuità a dir poco invidiabile. Non solo un minutaggio da far impallidire i più, ma anche delle prestazioni da fuoriclasse assoluto, che lo stanno facendo diventare una vera e propria bandiera.  L’ex Siviglia ha costruito una vera e propria coppia d’attacco incredibile con Immobile. Nell’ultima gara ha addirittura trovato una sontuosa doppietta contro il lecce, decisiva ai fini del risultato. Ecco le sue parole a Lazio Style Channel.

Lazio, Correa: “Grande intesa con Immobile, Kakà il mio idolo”

“Momento? Mi piace segnare, è sempre bello farlo. Dopo il rigore sbagliato a Bologna avevo tanta voglia di fare gol, mi sentivo in colpa per quell’errore all’ultimo, poi mi sono sbloccato e tutto è andato bene. Lo staff, i tifosi e i compagni mi sono sempre stati vicini, aiutandomi in un momento complicato. Ho sempre cercato di migliorare, ho ricoperto vari ruoli in carriera nascendo trequartista, lavoro ogni giorno per dare il meglio nel mio ruolo nella Lazio. Con Immobile ho un grande rapporto, lui segna molto perché è sempre disponibile negli scambi, si fa vedere per ricevere palla anche in costruzione.

Cambiamenti? Quest’anno facciamo più gol, siamo più offensivi, Inzaghi ci vuole così. Lo scorso anno magari eravamo più coperti, il mister vuole migliorarci. La sconfitta di Ferrara è stata inaspettata, soprattutto dopo il primo tempo dominato. Ma il calcio è così, ormai non esistono più partite semplici. Adesso siamo terzi, non dobbiamo rilassarci e pensare che sia tutto raggiunto perché ci sono tante partite da giocare. Ci sono tante squadre forti dietro di noi, quindi dobbiamo giocare al massimo tutte le partite per vincerle”.

L’idolo Kakà e la città di Roma

“Il mio idolo? Il mio riferimento è sempre stato Kakà, che partiva da dietro segnando tanti gol. Mi piace giocare più vicino alla porta per essere più decisivo possibile. Lavoro per diventare un leader in campo, fin da piccolo mi piaceva prendermi responsabilità nei momenti difficili per aiutare i compagni e la squadra. A Roma mi sono trovato subito a mio agio, qui mi sento come a casa. Il gol in finale di Coppa Italia contro l’Atalanta e i tre gol al Milan sono stati emozionanti e bellissimi, me li ricorderò per sempre. Ho tanti sogni, vorrei vincere sicuramente molti trofei, magari anche un Mondiale. Con la Lazio ho già conquistato una Coppa Italia, ora puntiamo ad arrivare in Champions League. Non dimentichiamo poi la finale di Supercoppa contro la Juventus, occasione importante per vincere ancora.

Cosa mi piace della città?  Di Roma mi piace tutto, soprattutto la sua cucina. Amo la carbonara, anche se non la posso mangiare tutti i giorni. Gioco molto anche alla Playstation, FIFA è il mio gioco preferito. Prendo sempre la Lazio. Conosco anche il fantacalcio”.

LEGGI ANCHE —> Montolivo si ritira: “Mi hanno costretto, la fascia a Bonucci…”