Orvieto, impiegato dell’Aeronautica fucila moglie e figlia: poi si suicida

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:34

Ad Orvieto un uomo impiegato nell’Aeronautica, ha ucciso moglie e figlia per poi suicidarsi

Orvieto
Orvieto

Ipotesi di omicidio-suicidio ad Orvieto, dove stanotte sono stati trovati morti un uomo, la moglie e sua figlia in un’abitazione in pieno centro (vico Sant’Antonio). Carlo Carletti, 66 enne impiegato civile dell’Aeronautica, è stato trovato con accanto un’arma da fuoco. A dare l’allarme è stato il fratello, arrivato sul luogo intorno all’una di notte dopo aver tentato invano di mettersi in contatto con i familiari. I corpi sono stati trovati in tre stanze diverse. Le cause di questo probabili omicidio-suicidio sono ancora al vaglio dei carabinieri, coordinati dalla procura di Terni.

Orvieto, la ricostruzione dell’omicidio-suicidio

Secondo, però, le prime ricostruzioni il fatto sarebbe avvenuto ieri pomeriggio. L’uomo avrebbe ucciso moglie e figlia con un colpo di fucile in piena testa per poi spararsi lui stesso. Era un appassionato di caccia, oltre a lavorare da anni nella caserma Nino Bixio, perciò aveva diverse armi in casa. Era inoltre cavaliere della Repubblica con alle spalle una lunga carriera militare: la moglie era in pensione, la figlia lavorava in una casa di riposo ed era impegnata in alcune associazioni di volontariato. Pare che Carlo soffrisse di problemi psichici da diverso tempo.

Leggi anche—> Cerignola, un 65enne uccide la vicina di casa e ferisce la moglie: poi si suicida