Ludovic Dulou, chi è il surfista: le incredibili performance – VIDEO

‘Lanciato’ in Italia da Alberto Angela, protagonista di Passaggio a Nord Ovest, il surfista Ludovic Dulou è un mito del suo sport: un video e le sue performance.

(screenshot video)

Si chiama Ludovic Dulou ed è un mito del surf: sportivo sui generis, i telespettatori italiani lo hanno ammirato in una puntata di Passaggio a Nord Ovest, il programma condotto da Piero Angela. Insieme con il suo hydrofoil, cavalca onde anomale e lo vediamo affrontare la sfida dell’Oceano Atlantico. Ma di imprese nella sua carriera ne ha realizzate davvero tante, come quella ai piedi della Torre Eiffel. Performance incredibili per questo campione, che è molto amato e seguito anche sui social.

Leggi anche –> Chi è Giovanna Rigato: che fine ha fatto l’ex gieffina

Cosa sapere sul surfista Ludovic Dulou, ‘lanciato’ in Italia da Alberto Angela

Recordman della gara di paddleboard più lunga del mondo, ovvero 65 km percorsi a Gascogne nel 2008, il suo palmares è davvero incredibile. Vice-campione del mondo del paddleboard ai campionati del mondo svoltisi a Montpellier nel 2014, Ludovic Dulou è soprattutto un grande performer, un ‘delfino umano’ come lo ha definito qualcuno. Tra le sue grandi imprese, è stato vincitore del campionato europeo di canoa hawaiana piroga OC2, all’Isola del Giglio nel 2010. Il campione pratica surf, pesca subacquea e body surf dal 1994.

Dunque, da un quarto di secolo è tra i personaggi più noti al mondo per quanto riguarda gli sport acquatici estremi. La filosofia sportiva di Ludovic Dulou è quella dell’avventura, concepita in tutta la sua purezza. Il campione così si racconta: “Voglio remare in mare aperto su diversi supporti e in diverse condizioni, navigare e surfare col mio corpo onde più grandi, perfezionare la mia tecnica, la mia resistenza e il mio senso marino ogni giorno”. Tutto questo, ricorda il campione, passa per il rispetto degli elementi naturali, di se stesso e degli altri.

Leggi anche –> Terrance Miguel Hay: Padre Natura di Ciao Darwin, carriera e curiosità