Aria pulita e ambienti sanificati: la vittoria di un aspirapolvere industriale non comune

Non rischiare di entrare in contatto con sporco, residui nell’aria derivanti da lavorazioni, germi e batteri di varia natura dovrebbe essere la prima regola per un luogo di lavoro salubre, sicuro e controllato. Per ottenere un ambiente di questo tipo è necessario che l’industria investa costantemente nella sanificazione e nell’igienizzazione dei propri spazi in modo da garantire e salvaguardare (il diritto al)la salute dei propri dipendenti. Infatti, non è sufficiente una pulizia ordinaria – seppur accurata -, si deve operare costantemente una pulizia specifica in modo da eliminare tutti gli elementi che, oltre a disturbare, potrebbero nuocere, anche gravemente, alla salute di chi vi entra in contatto. Per rispondere a esigenze così specifiche di un’azienda o di un’industria è necessario che la stessa si doti di macchinari adeguati in grado di garantire una manutenzione efficace dei propri locali. Una pulizia di questo tipo può essere garantita da un aspirapolvere industriale come quelli su https://www.socaf.it/aspiratori/aspiratori-industriali.

Scegliere un aspiratore industriale per la pulizia di un ambiente di lavoro deve tener conto di alcune caratteristiche e della sua qualità. Qualità significa efficacia, ma anche efficienza. Come misurarle? Ci sono alcuni fattori dai quali esse dipendono: portata d’aria, potenza del motore, depressione. La giusta combinazione di questi elementi fa sì che la macchina aspirante funzioni al meglio e porti ai risultati desiderati. Ma perché scegliere un macchinario di questo tipo? Innanzitutto, a differenza dell’aspirapolvere tradizionale, l’aspirapolvere industriale permette di aspirare meglio, di più e in tempi molto più rapidi, garantendo l’efficacia dell’operazione per lungo tempo e per superfici molto più grandi di quelle domestiche o di una piccola azienda. Specialmente nei laboratori dove sono in funzioni macchinari particolari per lavorazioni o produzioni varie è particolarmente importante che venga adottato un aspirapolvere industriale altamente performante e con caratteristiche e filtri specifici.

 

Infatti, in base al tipo di scarto da aspirare si sceglierà la tipologia, la potenza (e la dimensione) più adatta. Nella scelta va valutata la possibilità di eliminare diversi elementi di scarto, non solo fisici e aerei, ma anche allo stato liquido, in modo da avere una copertura pressoché totale sul luogo di lavoro. Un altro elemento da non dimenticare è quello legato alla formazione del personale che utilizzerà il macchinario: si preferisce un aspirapolvere che funziona automaticamente e sarà controllato da remoto o un modello guidato da un operatore, che dovrà essere adeguatamente istruito e preparato al lavoro? Una risposta o un’indicazione univoca non si può avere, bisogna valutare attentamente le specifiche del luogo in cui verrà inserito, la periodicità dell’aspirazione, la tipologia di scarto da aspirare, la tipologia di macchina che si vorrebbe scegliere, il numero di watt che si valuterà adeguato e il personale che verrà incaricato; in ogni caso, alla base di un consiglio univoco c’è un confronto costante con l’azienda e con le necessità varie ed eventuali dell’industria.

La maggior parte delle aziende propongono ai clienti una doppia possibilità: oltre all’acquisto e noleggio di macchine per la pulizia nuove e di prima mano, è possibile optare per la soluzione “usato” garantito. Avere a disposizione macchine usate, ma ricondizionate e perfette in ogni dettaglio, consente di risparmiare sia economicamente che in gestione.

Infatti, gli aspiratori industriali usati si presentano con una parte meccanica controllata e revisionata in caso di bisogno. I materiali di consumo sono verificati e sostituiti se non idonei; così per le parti in acciaio, prontamente riverniciate. Anche l’aspetto estetico quindi non subisce modifiche. Un aspiratore industriale Socaf è tutto quello che ti serve se necessiti di aspirazione sicura, veloce ed efficace in poco tempo e fatica.