Sembra un normalissimo orologio, ma è uno dei più costosi al mondo. Costa come 100 Ferrari messe insieme

I proverbi sono la codificazione della saggezza popolare, del senso comune. In certi casi tali affermazioni vengono corroborate anche dagli eventi. Un esempio: “il tempo è denaro”

Non serve certo Zio Paperone per affermare che il tempo è denaro. In questa nostra epoca poi, è sempre un rincorrersi di eventi. Come ben sanno (e fanno) i nativi digitali, tutto dura il momento di uno swipe, non è immediatamente interessante? Via, si passa ad altro.

Il lockdown, però, ha costretto tutti a fermarsi, a riflettere, a ripensare il tempo, a “guardarlo” diversamente. E in certi casi, guardare l’ora è come guardare un’opera d’arte di grande valore.

Una mostra di Patek Philippe a New York
Una mostra di Patek Philippe a New York (GettyImages)

In alcuni casi è proprio così. Certi orologi hanno nulla da invidiare ad opere d’arte, sia per la perizia nella costruzione, che per la cura estetica usata e, ça va sans dire, il prezzo. Argomento prosaico? Forse ma certi orologi sono quotati quanto capolavori d’arte da esposizione e come un appartamento o più d’uno.

Leggi anche -> Da dove viene il patrimonio di Silvio Berlusconi? Le origini umili e l’aiuto del…

Patek Philippe

La Patek Philippe è tra le più antiche case produttrici di orologi e sicuramente una delle più esclusive. La ditta nacque nel 1839 dalla società tra l’orologiaio polacco Antoni Patek e il francese Adrien Philippe che nel 1844 aveva ricevuto la medaglia di bronzo all’Esposizione Nazionale di Parigi per aver inventato il sistema di carica e messa all’ora senza chiave. Loro fu anche l’invenzione del calendario perpetuo.

Furono loro a progettare il primo orologio da polso per il pubblico femminile. Il primo in assoluto fu prodotto per la contessa Koscowicz, ungherese.

Leggi anche -> Elettra Lamborghini: dalle stelle alle stalle | Come è caduta così in basso

Gli appassionati acquirenti di questi orologi, sono statisti, sportivi, star di Hollywood. Diversamente da altri brand, Patek Philippe non produce orologi vistosi, da rapper, ma sobri e misurati scelti da chi non ha bisogno di farsi notare.

Il Patek Philippe di Andy Warhol
Il Patek Philippe di Andy Warhol (GettyImages)

Tra i fortunati proprietari di un orologio di questa gamma ci sono: Brad Pitt, Vladimir Putin, Sarkozy e …i Ferragnez (a proposito di sobrietà).

In vendita

JamesEdition, il portale delle vendite di lusso, recentemente ha pubblicato un elenco di Patek Philippe tra i più costosi al mondo in vendita. Tra questi figura il Patek Philippe 175th Commemorative Collection Grandmaster Chime.

Commemorative Collection Grandmaster Chime
Commemorative Collection Grandmaster Chime (Jamesedition.com)

Leggi anche -> Il governo Draghi e la riforma delle pensioni: chi può smettere di lavorare a…

L’orologio, realizzato in soli sette esemplari per il 175° anniversario della ditta, ha la cassa in oro rosa e si compone di 1366 parti per il meccanismo del movimento e 214 per la cassa. Il suo costo non è proprio abbordabile: $26.004.487. 

Chi offre di più?