Carlo Acutis è il più giovane Beato della storia: diffondere la fede con internet

Carlo Acutis, il ragazzo beato che ha reso possibile l’utilizzo del web per apostolizzare i non credenti, oggi è diventato un esempio per tutti i giovani.

Carlo Acutis nato a Londra il 3 Maggio 1991 e morto a Monza il 12 Ottobre 2006 per una leucemia fulminante, è un’anima beata e venerata dalla Chiesa Cattolica.

Figlio di un giovane uomo in carriera presso la banca d’affari, Andrea Acutis, prese il nome del nonno paterno, Carlo Acutis proprietario della compagnia assicurativa Vittoria Assicurazioni.

Carlo Acutis (corriere.it)
Carlo Acutis (corriere.it)

Fin dall’infanzia il giovane Carlo Acutis venne circondato dalla Chiesa e dal Credo, visto i luoghi e le scuole che frequentava.

Elementari e medie presso le Suore Marcelline, la Parrocchia e quindi il suo luogo di preghiera presso la Chiesa di Santa Maria Segreta ed il Liceo classico presso i Gesuiti che gestivano l’Istituto Leone XIII.

Il piccolo Carlo, chiamava l’Eucarestia “La mia autostrada per il Cielo”, che grazie ad un permesso speciale concessogli dalla Chiesa, prese per la prima volta attraverso la sua Prima Comunione, all’ età di 7 anni.

Nel 2006, però, Carlo Acutis viene colpito da una leucemia fulminante che lo porta alla morte in brevissimo tempo.

Il corpo del giovane viene seppellito, come da sue volontà, nella città di Assisi.

Potrebbe interessarti>>>Carlo, un addio a 15 anni

Il futuro santo che predicava sui social

Era considerato un bambino prodigio in quanto all’ età di 14 anni gestiva ed espandeva la sua fede tramite siti internet e social, all’ora poco sviluppati.

Tra le sue principali passioni c’era l’informatica che utilizzava principalmente per diffondere, parlare e spiegare quella che era la sua visione della fede.

Per apostolizzare, organizza una mostra in cui parlava ed esponeva ogni miracolo eucaristico, e grazie ad alcuni istituti religiosi la sua opera arriva nelle parrocchie di tutto il mondo compresi molti santuari famosi come Fatima, Lourdes e Guadalupe.

La massima espansione della religione e la conversione dei non credenti, grazie a Carlo Acutis, avviene dopo la sua morte quando viene reso Beato dalla Chiesa Cattolica.

Tutt’oggi il padre e la madre del Beato Carlo Acutis proseguono con il lavoro interrotto dal figlio diffondendo sempre più fede in tutti i seguaci che ogni giorno pregano per lui.

La salma esposta di Carlo Acutis nel Santuario della Spogliazione di Assisi (interris.it)
La salma esposta di Carlo Acutis nel Santuario della Spogliazione di Assisi (interris.it)

Potrebbe interessarti>>>Walter Nudo, il “miracolo” in autostrada a 100 km/h: “Le coincidenze non esistono, sono DIO-incidenze”

La storia di Carlo Acutis è davvero singolare e si tratta del Beato più giovane della storia cattolica. Un’altra curiosità che ha contribuito a certificare la beatitudine del giovane risiede nel fatto che il suo corpo, riesumato a distanza di anni dal decesso, è rimasto totalmente intatto.