Ricordate il bel Daniele Liotti ? La sua bellezza e’ stata oscurata da un componente della sua famiglia | scopriamo di chi si tratta

Succede a volte che il figlio superi il padre e che invece di sentir dire “quello è il figlio di..”, si senta “quello è il padre di …” Questo è uno di quei casi.

Francesco Liotti è un figlio d’arte, certo, ma ora si è guadagnato un posto tutto suo nel mondo dello spettacolo, tanto da rivaleggiare con il padre.

Una bella immagine di Francesco
Una bella immagine di Francesco (Instagram)

Ma chi è l’augusto papà?

Daniele Liotti è nato a Roma nel 1971. Tentò dapprima la carriera di calciatore , poi lasciato dalla fidanzata che lavorava nello spettacolo,  decise di provare anche lui a recitare.

Esordì nella fiction televisiva con Non parlo più. Successivamente si fece tentare dal cinema e recitò in film come Cresceranno i carciofi a Mimongo di Fulvio Ottaviano, dove coprotagonista era  Valerio Mastandrea  Finalmente soli sempre con lo stesso regista.

Molto attivo anche nel cinema in lingua spagnola, ha recitato nel 2001 in  in Giovanna la pazza di Vincent Aranda, film che vinse il  Premio Goya e Piedras di Ramón Salazar nel 2002.

Daniele Liotti
Daniele Liotti e un altro protagonista di A un passo dal cielo (Instagram)

Leggi anche -> CentoVetrine: il vero motivo per cui non viene più trasmessa la soap più vista in Italia

Più di recente, nel 2014, è stato uno dei protagonisti del film Tutta colpa di Freud, con Marco Giallini e Anna Foglietta.

Ma la grande popolarità gli arrivò grazie a fiction come  Il capo dei capi di Enzo Monteleone e Alexis Sweet, che narrava la vita di Totò Riina. Ma la consacrazione giunse quando Terence Hill gli lasciò il testimone per un Un passo dal cielo.

La nascita di Francesco

Francesco è nato nel 1998. La relazione tra i suoi genitori si ruppe quando era ancora piccolo, aveva solo tre anni.  Parlando dei suoi sentimenti in proposito Francesco ha dichiarato: “Avevo il cuore spezzato. La mancanza di mio padre mi ha fatto molto soffrire e ha sicuramente influito sul mio carattere. Fino alle elementari sono stato un bambino piuttosto difficile, fin troppo vivace. Non avevo mai voglia di studiare, ero iperattivo e per sfogarmi facevo qualsiasi tipo di sport. Ho cominciato a tranquillizzarmi solo verso gli otto anni.” Tuttavia, ha riconosciuto che il padre: “Ha cercato di starmi il più possibile vicino. Quando gli ho chiesto consigli sulla carriera d’attore mi ha solo detto che non devo improvvisare, ma studiare“.

Leggi anche -> Il prete più famoso d’Italia molla tutto e si ritira | Non lo vedremo…

Grazie ai consigli del papà Francesco è arrivato al successo con la serie La Compagnia del Cigno, con Alessio Boni e Anna Valle.

Un ragazzo con la testa sulle spalle e schivo. Non frequenta i social e continua a studiare come attore al Centro Acting di Roma.

Tale padre, tale figlio, appunto.