Laura Torrisi racconta la sua terribile malattia: “È già in stadio avanzato…”

L’attrice Laura Torrisi ha raccontato la malattia che le è stata diagnosticata nel 2009.Le ha reso la vita difficile ma con l’arrivo di Martina tutto è cambiato 

Laura Torrisi è arrivata in televisione grazie al Grande Fratello, ma dopo il reality show è riuscita a farsi nome come attrice sia sul piccolo che sul grande schermo. La siciliana è infatti stata protagonista di tante fiction in tv, come L’Onore e il Rispetto Il Peccato e la Vergogna; ma anche al cinema con Una Moglie Bellissima, insieme all’ormai ex marito Leonardo Pieraccioni. Con l’attore toscano, la Torrisi ha avuto anche una figlia; la piccola Martina.

Laura Torrisi
Laura Torrisi (Instagram Laura Torrisi)

Leggi anche >>> Elena Sofia Ricci: quella violenza abominevole subita da bambina

Ma dal 2009, Laura Torrisi soffre anche di una pesante malattia: l’endometriosi, un’infiammazione cronica benigna degli organi genitali femminili e del peritoneo pelvico. E in una intervista a Verissimo, la catanese ha raccontato quanto sia difficile convivere con questo disturbo che le ha portato problemi anche sul lavoro; sul set delle fiction, infatti, la Torrisi è stato costretta addirittura ad assumere 7 antidolorifici in un solo giorno.

Laura Torrisi e l’endometriosi: il racconto della malattia

Intervistata da Silvia ToffaninLaura Torrisi ha raccontato i momenti in cui le è stata diagnostica la malattia: “È stata dura perché, quando me l’hanno diagnosticata, era già in uno stadio avanzato. Ho vissuto dei momenti brutti, anche se non mi sono ammalata di depressione. Il dubbio di non poter avere figli è la cosa che mi ha atterrito più di tutto. Poi è arrivata mia figlia Martina e ho trovato il coraggio per affrontare il resto”.

Laura Torrisi
Laura Torrisi (Getty Images)

Leggi anche >>> La terribile malattia che sta frenando la carriera di Nancy Brilli: operata 8 volte

L’attrice siciliana ha poi raccontato tutte le difficoltà derivanti dalle tante operazioni chirurgiche a cui è stata sottoposta: Entrare e uscire dalla sala operatoria è destabilizzante. Sono stata aperta e chiusa così tante volte, che ora non posso più subire così tante operazioni. Per quanto la famiglia e gli amici possano provare a capire, solo chi ha provato un dolore del genere può comprenderlo fino in fondo”.