Giancarlo Magalli “è stato miracolato” | Il gravissimo incidente in cui ha rischiato di morire

Giancarlo Magalli è il volto simbolo della televisione italiana. In un attimo passa da conduttore televisivo a protagonista di una tragedia. Scopriamo insieme cosa gli è accaduto.

Giancarlo Magalli è nato nel 1947, a Roma. Qui ha svolto i suoi studi  fino al diploma, ed ha avuto come compagni di classe Luca Cordero di Montezemolo e Mario Draghi. Successivamente intraprese la facoltà di Scienze delle Comunicazioni ed Economia e Commercio.

Giancarlo Magalli e Marcello Cirillo
Giancarlo Magalli e Marcello Cirillo (web source)

Alla fine degli anni ’60, come molti personaggi noti, inizia a lavorare come animatore nei villaggi turistici.

La scrittura è sempre stata la sua passione tanto da essere autore di teatro, cabaret e diverse trasmissioni televisive.

Ma quello per cui è famosissimo oggi è la sua storia d’amore con la storica trasmissione di Rai 2 “Fatti Vostri”. Ne è stato conduttore per ben 30 anni, dal 1991 al 2021.Come tutte le cose belle, però, finiscono. Infatti il conduttore ha rivelato durante un’intervista rilasciata a Francesca Fialdini su Rai 1 a “Da noi a ruota libera” di essere stanco e di voler lasciare la conduzione dei Fatti Vostri per iniziare una nuova avventura. Una pagina sicuramente più leggera e divertente forse con un quiz televisivo sulla lingua italiana.

Il tragico incidente

Il nostro simpatico conduttore si trovata sulla via Cassia bis, prima dell’uscita per Formello. All’improvviso ha letteralmente perso il controllo della sua Smart For Two modello 453, schiantandosi sul guardrail.

La Smart di Giancarlo Magalli dopo l'incidente
La Smart di Giancarlo Magalli dopo l’incidente (web source Instagram)

Leggi anche>>>Karim Capuano dal successo alla galera, poi l’incidente e il coma: “Gesù era vicino a me”

Per sua fortuna, grazie alla cintura di sicurezza allacciata e all’esplosione dell’airbag ne è uscito illeso insieme alla famiglia a bordo del  suv anch’esso coinvolto nell’incidente. Subito dopo l’impatto è accorso il suo amico-collega Marcello Cirillo dichiarando che “E’ stato miracolato, l’auto era un cartoccio. Nessuno poteva credere che da quella lamiera qualcuno potesse uscirne vivo. Giancarlo è stato miracolato!”

Dopo tutti i controlli clinici e passato il grande spavento la figlia Michela rassicura tutti con un bel post su Instagram.

La macchina di Giancarlo Magalli

Al momento dell’incidente Magalli era alla guida della sua Smart For Two mod.453 bianca. In casa Mercedes è la terza generazione ed il suo debutto c’è stato il 16 luglio 2014. A differenza delle altre due questo modello cambia di larghezza (1,66m) e di altezza (1,55m) lasciando invariata la lunghezza. Ha un bagagliaio che può contenere fino a 260 litri.

La Smart di Giancarlo Magalli dopo l'incidente
La Smart di Giancarlo Magalli dopo l’incidente (web source Instagram)

Leggi anche>>>Nek come Gianni Morandi | La carriera a rischio per un grave incidente domestico

Le particolarità che la caratterizzano sono principalmente la griglia anteriore, più ampia, e la forma dei fari, che assumono una geometria più semplice. Rientra nella direttiva anti inquinamento Euro 6. E’ dotata di sistema smart-stop e, a differenza dei modelli precedenti, è solo a benzina ed al momento in produzione solo nella versione elettrica.