Antonino Cannavacciuolo: quella passione che non ti aspetti | Due pezzi da 90 insieme

46enne, con una lunga carriera nel mondo della ristorazione. Due Stelle Michelin, ma il successo televisivo non l’ha cambiato affatto

Chef che sa combinare bene l’estro con la tradizione meridionale. Che si intreccia col suo carattere vulcanico. E poi, la sua passione per il Napoli. In questi anni abbiamo imparato ad amare e apprezzare Antonino Cannavacciuolo.

Antonino Cannavacciuolo (sito ufficiale dello chef) 2
Antonino Cannavacciuolo (sito ufficiale dello chef)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La discriminazione di un’eccellenza italiana: bufera su Gordon Ramsay

Antonino Cannavacciuolo: cuore napoletano

 

Antonino Cannavacciuolo (sito ufficiale dello chef) 3
Antonino Cannavacciuolo all’opera (sito ufficiale dello chef)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Antonino Cannavacciuolo apre le porte del gourmet a tutti: ecco quanto si spende nel suo ristorante

46enne, con una lunga carriera nel mondo della ristorazione. Dal 1999 ha infatti assunto la gestione della dimora storica in stile moresco Villa Crespi, a Orta San Giulio sul Lago d’Orta. E’ del 2003 la sua prima Stella Michelin. E nel 2006 la seconda. Insomma, in pochi anni si fa conoscere come uno degli chef migliori d’Italia. E non si fa venire mai la puzza sotto al naso.

Neanche quando diventa un famosissimo personaggio televisivo. L’esordio in televisione da protagonista avviene nel 2013 quando conduce la prima stagione di “Cucine da incubo”, versione italiana del programma dello chef britannico Gordon Ramsay. Ma, ovviamente, il grande successo è con le edizioni di “MasterChef Italia”.

Antonino: famiglia e passioni

È sposato con Cinzia Primatesta, con cui ha avuto due figli. Come detto, i due sono molto uniti, tanto da aver rilevato il loro primo ristorante, di enorme successo. Non ha mai perso il gusto per la tradizione e per le sue origini. Tifosissimo del Napoli, è fiero della sua appartenenza campana. La rivendica nelle tantissime partecipazioni televisive. Nel 2016 è anche salito sul palco del Festival di Sanremo.

Cannavacciuolo Lancia Delta
Antonino Cannavacciuolo con la Lancia Delta (Instagram)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Antonino Cannavacciuolo: la malattia che gli ha cambiato il modo di vivere | Ero sempre stanco..

Ma il successo non l’ha cambiato. E, infatti, sul proprio profilo Instagram non lo vediamo con supercar o auto di lusso. Il noto chef napoletano è assai orgoglioso della sua Lancia Delta. La mostra sorridente e la foto fa il pieno di like su Instagram. D’altra parte, anche la cucina di Cannavacciuolo, seppur innovativa, non dimentica mai i sapori della tradizione. Ed evidentemente questo vale anche per le auto. La Lancia Delta, infatti, è un modello storico dell’automobilismo italiano.

Si tratta del modello “medio” del noto brand italiano. La Delta è stata prodotta da Lancia per vent’anni dal 1979 al 1999. E poi dal 2008 al 2014. Una vettura particolarmente apprezzata dagli automobilisti: parliamo infatti del secondo modello più acquistato tra quelli del brand Lancia.