Anche gli animali sono omosessuali: lo studio che lo dimostra | Di alcuni non l’avreste mai detto

Gli scienziati studiano ormai da decenni l’omosessualità degli animali confrontandola con quella umana. Ecco cosa hanno scoperto.

L’omosessualità è un orientamento sessuale che comporta l’attrazione sentimentale e sessuale verso individui dello stesso sesso.

Nel corso degli anni questo termine ha assunto una fisionomia sempre più neutra, anche se il pensiero continua ad essere un tabù per diverse culture.

In letteratura ci sono due scuole di pensiero: quello organicistica, che prende in considerazione l’aspetto biologico-genetico; l’altro è quello comportamentistico, che valuta gli aspetti educativi e socioculturali.

omosessualità
omosessualità (foto web)

Potrebbe interessarti>>>Tiziano Ferro contro Fedez: “Mi ha preso in giro perché omosessuale”

Nel secolo scorso l’omosessualità veniva considerata malattia e peccato soprattutto a causa di preconcetti religiosi e sociali. Nell’Ottocento gli omosessuali venivano addirittura puniti in quanto ritenuti “innaturali”.

Solo nel 1972 possiamo notare qualche passo in avanti grazie all’American psychiatric association che ha escluso l’omosessualità dall’elenco delle patologie. Tante in quegli anni furono anche le manifestazioni di omosessuali militanti in difesa dei loro diritti.

L’omosessualità nel mondo animale

L’omosessualità è un fenomeno molto diffuso tra gli animali. Sono all’incirca un migliaio le specie coinvolte, soprattutto quelle che hanno strutture sociali complesse.

A differenza, però, di quanto uno si aspetti gli studi in riguardo non sono moltissimi. Solo da pochi anni gli scienziati hanno iniziato ad approfondire l’argomento senza paura di perdere fondi. Fu il biologo canadese Bruce Bagemihl  a dare il via negli anni ’90.

Nel 2006 in Norvegia, uno dei paesi più sensibili all’omosessualità e ai suoi diritti, si è svolta una mostra nel museo di Storia Naturale dell’università di Oslo intitolata Against Nature? In questa occasione è stato fondamentale l’intervento di uno dei curatori, il professor Petter Bockman, che mette in evidenza come in molte specie di animali, dagli insetti ai mammiferi, l’omosessualità  sia un comportamento naturale.

Petter Bockman
Petter Bockman (foto web)

Il professore durante la mostra afferma inoltre che: “Gli animali possono fare sesso con chi vogliono, quando vogliono e senza considerare i principi etici dell’osservatore”.

Le giraffe sono un esempio lampante di questa dichiarazione. Addirittura il 94% delle attività sessuali di questa specie avvengono tra generi dello stesso sesso e assolutamente non per mancanza del maschio o della femmina.

Giraffe omosessuali (web source)
Giraffe omosessuali (web source)

Potrebbe interessarti>>>Emma Marrone: le indiscrezioni sull’omosessualità | La reazione della cantante è forte

Il bonobo, meglio noto come scimpanzé nano o pigmeo, è uno dei primati più evoluti in assoluto. Il sesso lo usa come mezzo di procreazione o come strumento ricreativo per   allentare le tensioni che si vengono a creare nel gruppo di appartenenza. E spesso questi accoppiamenti sono proprio omosessuali.

Nonostante siano famosi proprio per i loro rapporti eterosessuali, capaci di durare tutta la vita, anche i pinguini posso assumere atteggiamenti omosessuali. Questo avviene quasi esclusivamente nel momento in cui un pinguino diventa vedovo/a. Talmente tanta è la voglia di portare avanti la prole che si impegna anche con un pinguino dello stesso sesso per crescere i pulcini.

Delfini omosessuali (web source)
Delfini omosessuali (web source)

Per quanto riguarda i delfini, studiando soprattutto quelli in cattività,  si è capito che il 75% di essi hanno relazioni omosessuali, e molti si legano ad un partner per tutta la vita. I biologi hanno notato che alla morte del partner dello stesso sesso segue un periodo di vero e proprio lutto.

Attività di questo tipo sono state riscontrate anche in tante altre specie come ad esempio: nei tomoli (pesce appartenente alla famiglia dei salmoni), nei pipistrelli e negli orsi bruni.

Potrebbe interessarti>>>Giorgia Soleri spiazza tutti sconfessando le voci sulla sua presunta omosessualità

Da quello che abbiamo capito nel regno animale l’omosessualità è un rapporto naturale e consolidato quindi si può chiamare ancora “sesso contro natura” se avviene anche tra gli animali?