Lino Banfi, riceve una lettere da una persona speciale | “ha lo stesso valore di un Oscar”

Lino Banfi, con la sua comicità torrenziale ha fatto ridere generazioni di italiani. Altre volte ha causato scontri e polemiche, come con il famoso “porca puttena”, finito nel mirino Moige. Ma di fronte a una lettera che non si aspettava è rimasto senza parole.

Lino Banfi nasce ad Andria, in Puglia, nel 1936 con il nome di Pasquale Zagheria. E’ uno dei più prolifici attori italiani di ogni tempo: il suo nome appare in oltre 100 pellicole. 

Lino Banfi indimenticabile protagonista della commedia italiana
Lino Banfi indimenticabile protagonista della commedia italiana / web source

Affermatosi negli anni ‘70, sull’onda della commedia sexy italiana, insieme a personaggi come Lando Buzzanca, Mario Carotenuto e Alvaro Vitali, Banfi è stato capace di creare un personaggio assolutamente peculiare. Una maschera comica, icona della baresità sorridente, prima di dedicarsi alle fiction televisive come “Un medico in famiglia”, che hanno caratterizzato l’ultima parte della sua carriera.

Leggi anche -> Lino Banfi censurato, “Porca puttena” sparisce dallo spot Tim dopo le proteste

Lino Banfi negli ultimi anni si è dedicato alla fiction televisiva
Lino Banfi negli ultimi anni si è dedicato alla fiction televisiva / web source

Il suo modo di parlare, in particolare, è andato oltre la comicità regionale. Banfi ha creato un vero e proprio linguaggio di fantasia. Una lingua almeno in parte di sua invenzione, che per gli altri italiani era un condensato caricaturale di Bari. Ma che i baresi non hanno mai riconosciuto come la propria lingua. 

Leggi anche -> Lino Banfi contro la Rai: “Se chiude un Medico in Famiglia…”

A proposito di parole, è stato lo stesso Banfi a chiedere pubblicamente scusa alla sua città, in modo ovviamente ironico. “Mi pento pubblicamente” ha detto al Teatro Petruzzelli di Bari, mentre riceveva il premio alla carriera nell’ambito del Bifest, il festival del cinema di Bari.

Leggi anche -> CINEMA / Lino Banfi, “Sono stanco di essere buono, a Venezia supplicherò Tarantino per farmi fare un assassino”

Poteva un artista che nasce dalla parola e con le parole, restarne senza, almeno per un attimo?

La lettera che ha lasciato Lino Banfi senza parole

E’ successo lo scorso 26 luglio, quando il popolare comico ha visto il mittente di una lettera che aveva appena ricevuto: nientemeno che Papa Francesco Bergoglio.

La lettera di Papa Francesco a Nonno Lino
La lettera di Papa Francesco a “Nonno Lino” / web source

Nella lettera, il Pontefice ringrazia Lino Banfi per avere condiviso con tante generazioni il dono del sorriso, e lo invita a continuare in quella che dal punto di vista di Francesco è una vera e propria missione. Continuare a far sorridere tutti. Perché, dice il Papa: “un sorriso è una carezza fatta col cuore”.

Leggi anche -> Lino Banfi: “Nonno Libero? Ora sono nonno Franco”

Il mondo della critica e dell’arte, fino a oggi, ha guardato all’arte popolare dall’alto in basso, rifiutando di onorarla con i premi che autentici capolavori come “L’allenatore nel pallone” avrebbero meritato.

“Non importa”, dice Banfi “è questa lettera il mio Oscar”. E non c’è davvero bisogno di usare altre parole.