Simona Izzo: “amo la sofferenza”, sfrutto la malattia per trarne ispirazione artistica

Simona Izzo ha sposato Ricky Tognazzi nel 1995 dopo una lunga relazione con Maurizio Costanzo. Ecco il suo racconto

Oggi 68enne, Simona Izzo è una popolare attrice e regista. Dai suoi lavori, dai suoi interventi pubblici, non si direbbe, ma l’artista è affetta da una grave malattia. E’ stata lei stessa a raccontarlo nel corso di un’intervista.

Simona Izzo
Simona Izzo (foto web)

Simona Izzo: carriera e vita

Inizia la sua carriera nel mondo dello spettacolo come “signorina Buonasera”. Recita nei film In camera mia (1992) di Luciano Martino, Prestazione straordinaria (1994) di Sergio Rubini e Simpatici & antipatici (1998) di Christian De Sica e cura la sceneggiatura di quasi tutti i titoli diretti da Ricky Tognazzi. Nel 2012, in coppia con il figlio Francesco, è stata concorrente della prima edizione dell’adventure game di Rai 2 Pechino Express.

Izzo-Tognazzi
Izzo-Tognazzi (foto web)

Simona Izzo ha sposato Ricky Tognazzi nel 1995 dopo una lunga relazione con Maurizio Costanzo. Dal 1975 al 1978 era stata coniugata con Antonello Venditti, dal quale ha avuto il figlio Francesco, anch’egli attore e doppiatore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Simona Izzo: convive da anni con un grave disturbo | Legata per sempre ad una terapia

La malattia

Nel corso di una recente intervista, ha raccontato diverse cose di sé. Dal rapporto con Ricky, figlio del grande Ugo Tognazzi. “Non sopporto i tradimenti” ha detto.

Si è poi soffermata sulle sue tante fisime e malattie. Tra queste, Simona Izzo ha sostenuto di essere una bipolare subclinica.

Simona Izzo malattia
Simona Izzo malattia (foto web)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Simona Izzo: Nella casa del GF Vip c’è un gay non dichiarato

“Amo follemente la Simona che soffre” ha detto nell’intervista, parlando di se stessa come se riuscisse ad astrarsi. Da questo difetto/morbo, tuttavia, Simona Izzo ha affermato di riuscire a trarre grande ispirazione artistica.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Simona Izzo: Ma quali molestie, sono solo lusinghe

E’ quindi lodevole come viva la sua malattia.