Mandi Mandi è sul lastrico: il grido di aiuto disperato del comico Marco Milano

Il personaggio di Mandi Mandi, che ha reso celebre il comico Marco Milano, è rimasto nel cuore del pubblico. L’attore però ha vissuto momenti davvero difficili nella sua vita privata.

Sei simpaticissimo“, questa era la battuta con cui esordiva in ogni suo intervento a “Mai dire gol” Mandi Mandi, alias Marco Milano, che ha fatto divertire il pubblico soprattutto verso la fine degli anni ’90. Conclusa l’esperienza nel programma, salvo qualche apparizione a “Zelig” e “Colorado”, non tutto è però andato per il meglio per l’attore, che ha faticato a trovare una stabilità lavorativa. E questo, come accade per molti di noi, ha influito sulla sua situazione economica.

Marco Milano
Marco Milano (foto web)

Quando non si lavora per un periodo prolungato, infatti, ci si rende conto di come i risparmi possano finire arrivando a rendere difficile anche la gestione delle spese quotidiane. Ammetterlo non è mai semplice, ma se la situazione diventa insostenibile è inevitabile parlarne e provare a chiedere aiuto.

Marco Milano: i’appello in Tv di “Mandi Mandi”

È stato proprio Marco Milano a parlare ad Eleonora Daniele, ospite di “Storie Italiane”, dei suoi problemi finanziarie. La situazione che si trova a vivere, al pari di quanto accaduto ad altri colleghi (è il caso di altri comici quali Marco Della Noce e Maurizio Ferrini) è tutt’altro che bella.

Marco Milano
Marco Milano

LEGGI ANCHE >>> Simona Ventura – Mediaset, la conduttrice dichiara: “Tornerei a fare Mai dire gol”

Mi hanno pignorato la casa – ha raccontato -. Il periodo nero cominciò nel 2008, quando improvvisamente Equitalia iniziò a mandare una serie di cartelle esattoriali pesantissime. mio studio commercialista aveva sbagliato per quattro anni di seguito la dichiarazione dei redditi e così mi sono trovato di fronte ad un debito con lo Stato enorme che non potevo onorare. Equitalia mi ha portato via tutto! Casa, macchina, ogni cosa e sono dovuto ripartire da sotto zero. Le sembra giusto che i commercialisti commettano degli errori e poi la responsabilità ricada sui cittadini?“.

LEGGI ANCHE >>> Maurizio Ferrini, la Signora Coriandoli: “Dopo il successo ho sofferto la fame”

La situazione era migliorata almeno parzialmente, ma il Covid ha peggiorato ulteriormente le cose: “Voglio pagare le tasse, ma ho bisogno di lavorare. Ho cercato di riprendermi. Ci stavo riuscendo, ma poi è arrivato il Covid che ha bloccato riprese e lavoro”.