Coronavirus: le poche regole chiare da osservare per non avere problemi ed “andare in ospedale”

Purtroppo la pandemia rende più complicata la vita anche a chi deve andare in un ospedale. Ma proprio nei luoghi di cura è particolarmente importante osservare con pazienza alcune norme che garantiscono la nostra sicurezza e quella di tutti.

Tutti sappiamo come comportarci su un treno, al bar o per strada. Fortunatamente, è più raro avere a che fare con l’ospedale. Ma l’ospedale è forse il luogo in cui proteggere la sicurezza propria e altrui è più importante.

Il tampone è sempre necessario | Web Source
Il tampone è sempre necessario | Web Source

Gli operatori sanitari sono costantemente esposti al flusso di pazienti e accompagnatori e devono poter continuare ad operare senza diventare un veicolo di trasmissione virale. Lo stesso vale per chi ha bisogno di cure e deve poterle ricevere senza il rischio di aggravare ulteriormente le proprie condizioni. Il rischio è contrarre un virus che può essere pericolosissimo in presenza di altre patologie.

Anche se una visita all’ospedale non è nei vostri programmi, meglio sapere in anticipo come comportarsi e metabolizzarlo a mente fredda, per evitare sorprese e ulteriore stress in un momento già stressante.

Al pronto soccorso: gli ospedali prevedono normalmente percorsi separati per le infezioni respiratorie e tutte le altre necessità. Cerchiamo di individuarli e seguirli con ordine.

Green pass: per gli accompagnatori è sempre necessario. I pazienti entrano ovviamente con o senza green pass (anche se è augurabile che chiunque al di sopra dei 12 anni ce l’abbia).

Controllo telefonico pre-esami: chi ha un appuntamento in ospedale per ricoveri, esami, piccoli interventi, riceverà nelle 48 ore precedenti una chiamata. Lo scopo è effettuare alcuni controlli per il rischio di infezione da Covid.

Febbre e sintomi: chi presenta questi sintomi durante il controllo, avrà un nuovo appuntamento. Nel caso che i sintomi si manifestino dopo la chiamata di controllo, occorre disdire l’appuntamento e riprogrammarlo, col reparto interessato. Il controllo sarà in ogni caso effettuato anche al momento dell’ingresso in ospedale. Meglio per tutti risparmiare viaggi e tempo preziosi.

Tampone per i ricoveri programmati: chi ha appuntamenti per esami, piccoli interventi e ricoveri è richiesto di effettuare un tampone nelle 72 ore precedenti l’ingresso in ospedale. Il tampone verrà effettuato dall’ospedale nel caso di ricoveri d’urgenza.

Mascherine in ospedale_ da tenere sempre | Web Source
Mascherine in ospedale: da tenere sempre | Web Source

Leggi anche->Povia: leader antivaccini, prende il Covid | Scontro sui social con insulti e minacce

Rispettare gli orari: evitare assembramenti è sempre importante. In ospedale ancora di più. È quindi importante rispettare gli orari fissati e arrivare con anticipo minimo sull’orario dell’appuntamento (generalmente sono raccomandati 15 minuti).

Osservare la distanza: come dappertutto, osservare la distanza di un metro è obbligatorio. E in ospedale ancor più necessario.

Leggi anche-> Al Bano Carrisi, il grande assente di capodanno: positivo al Covid combatte col nemico invisivbile

Mascherina: va sempre indossata, anche negli spazi all’aperto.

Temperatura: all’ingresso degli ospedali sono presenti dei rilevatori di temperatura, sia gestiti da operatori che no. Se il ricoverato o l’accompagnatore dovessero presentare febbre o sintomi è essenziale informare immediatamente il personale, senza mai togliere la mascherina.

Leggi anche-> La bomba sulla nuova variante Covid, per il noto scienziato “Omicron è stato creato artificialmente…”

Igiene delle mani e comportamento: lavare spesso le mani con acqua e sapone è un comportamento da tenere sempre. In ospedale portate anche con voi un flacone di gel disinfettante, e usatelo. Se starnutite, fatelo in fazzolettini che getterete subito dopo, oppure nel gomito.

Green pass obbligatorio in tutti gli ambienti | Web Source
Green pass obbligatorio in tutti gli ambienti | Web Source

Accompagnatori: l’accompagnatore (mai più di uno), ripetiamolo, deve essere sempre munito di green pass e vale per lui/lei lo stesso requisito di tampone negativo che per i pazienti. Nel caso di ricoveri di bambini è previsto che i genitori possano darsi il cambio, ma sempre uno alla volta. Tutte le visite di parenti e amici sono purtroppo sospese.

Leggi anche-> Covid 19: quarantena o no | Come comportarsi se hai avuto contatti con un positivo

Leggi anche-> Dopo due anni di pandemia arriva l’inquietante sospetto: non si lavora per debellare il Covid, ma…

Un piccolo sforzo per un grande risultato

Sono poche regole semplici da osservare. Se fossimo costretti a visitare un ospedale, ricordiamole e rendiamo più tranquillo il nostro passaggio, per noi stessi, per gli altri ospiti e per chi ci cura. 

A volte basta poco per fare una grande differenza.