Altro che vaccino, grazie alla pillola “magica” il Covid potrebbe essere presto un ricordo

Nei giorni scorsi l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha autorizzato due antivirali per il trattamento di pazienti.

C’è grande attesa per la pillola che potrebbe sconfiggere, definitivamente, il Coronavirus. Ponendo fine, così, a ormai due anni di pandemia, che ha fiaccato le nostre resistenze. Che ha colpito la salute pubblica e fatto collassare l’economia. Speriamo che non sia l’ennesimo buco nell’acqua nella lotta al Covid-19.

Pillola Merck (web source)
Pillola Merck (web source)

Il farmaco

Sarà il Marocco uno tra i primi Paesi arabi e africani a commercializzare il farmaco antivirale Molnupiravir contro il Covid-19 e prodotto dall’azienda statunitense Merck, dopo aver ottenuto una licenza di commercializzazione dalle competenti autorità sanitarie.

Ma anche l’Italia si muove. Nei giorni scorsi l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), infatti, ha autorizzato due antivirali, Molnupiravir e Remdesivir, per il trattamento di pazienti non ricoverati, con malattia lieve-moderata. L’assunzione è indicata per i pazienti che hanno contratto la malattia, manifestata da pochi giorni e in presenza di condizioni cliniche che rappresentano specifici fattori di rischio per lo sviluppo della malattia grave.

Pillola Merck (web source) 2
Pillola Merck (web source)

Le farmacie si dicono pronte a distribuire anche attraverso il proprio canale la pillola antivirale Molnupiravir per il trattamento del Covid-19. Per adesso, infatti, ad avere il farmaco sono solo alcuni ospedali italiani.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Povia: leader antivaccini, prende il Covid | Scontro sui social con insulti e minacce

La svolta?

Quasi 12mila confezioni di Molnupiravir sarebbero già arrivate negli ospedali italiani. Tante sono le speranze risposte nelle pillole per il trattamento dei pazienti positivi al Covid-19. Questa la ripartizione, al momento: al primo posto la Lombardia, con 1.800, seguita da Lazio (1.680), Toscana e Veneto (1.440) e Liguria (1.080).

Il Molnupiravir, messo a punto dal colosso farmaceutico americano Merck Sharp & Dohme in partnership con Ridgeback Biotherapeutics, è stato il primo farmaco in pillole indicato per la cura dell’infezione da coronavirus a essere registrata. Si tratta di un antivirale orale, il cui utilizzo è indicato entro 5 giorni dall’insorgenza dei sintomi. La durata del trattamento, che consiste nell’assunzione di 4 compresse (da 200 mg) due volte al giorno, è di 5 giorni.

Pillola Merck (web source) 3
Pillola Merck (web source)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid 19: quarantena o no | Come comportarsi se hai avuto contatti con un positivo

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> La bomba sulla nuova variante Covid, per il noto scienziato “Omicron è stato creato artificialmente

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid 19, la situazione sfugge di mano | Assalto alle farmacie con prezzi esorbitanti

Le prime due pazienti sono una donna di 91 anni cardiopatica e diabetica e una donna di 72 anni cardiopatica, immunodepressa. Entrambe con sintomi lievi, soprattutto nei primi giorni.