Il mio amico Arnold: la sitcom maledetta | La tragica sorte dei protagonisti della serie

“Il mio amico Arnold” è una sitcom che ha raggiunto una notevole popolarità anche nel nostro Paese. La serie, nonostante il successo, è considerata maledetta: che fine hanno fatto gli attori principali?

“Il mio amico Arnold” (il cui titolo originale è “Diff’rent Strokes”) è stata una delle sitcom più popolari degli anni Ottanta. In Italia, è stata trasmessa a partire dal 1980, inizialmente con il titolo “Harlem contro Manhattan”.

Il mio amico Arnold
(web source)

Nonostante il successo, la serie viene considerata maledetta: tutti gli attori protagonisti, infatti, hanno avuto una sorte tragica.

Il successo della serie…

La serie si concentra sulle vicende di Arnold (Gary Coleman) e Willis Jackson (Todd Bridges), due fratelli afroamericani che hanno rispettivamente 8 e 13 anni. La loro vita cambia quando, dopo la morte della madre, vengono accuditi da Philip Drummond (Conrad Bain), un uomo d’affari decisamente benestante.

Così, Arnold e Willis lasciano il quartiere di Harlem e si trasferiscono in una zona lussuosa di Manhattan. Dopo un anno, il signor Drummond decide di adottare legalmente i due fratelli, diventando ufficialmente loro padre.

Il mio amico Arnold
(web source)

Nella sitcom, sono presenti altri personaggi ricorrenti: Kimberly (Dana Plato), la figlia biologica del signor Drummond, e Edna Garret (Charlotte Rae), la governante. Quest’ultima successivamente viene sostituita da Adelaide Brubaker (Nedra Volz) e poi da Pearl Gallagher (Mary Jo Catlett). Tra i protagonisti abbiamo anche Maggie McKinney, l’insegnante di aerobica con cui si sposerà il signor Drummond.

Sono state prodotte otto stagioni, fino alla cancellazione della sitcom nel 1986. La serie ha avuto un grande successo, lasciando il segno nella cultura pop degli anni Ottanta.

…E la maledizione che ha colpito gli attori protagonisti

Il motivo per cui la serie viene considerata maledetta è legato al destino che hanno avuto gli attori protagonisti. Iniziamo con Gary Coleman, definito bambino prodigio per la sua interpretazione di Arnold.

Coleman ha avuto diversi problemi legali, in particolare per le accuse di violenza domestica. L’attore fin da bambino ha dovuto combattere contro una grave patologia renale, a causa della quale la sua crescita si è fermata ed è stato sottoposto per due volte a trapianto di reni e dialisi. Nel 2010, è morto prematuramente a 42 anni, dopo una brutta caduta.

Gary Coleman
Gary Coleman (web source)

Dana Plato ha interpretato Kimberly Drummond. Nelle serie, la ragazza si trasferisce a Parigi per gli studi. In realtà, ha perso il ruolo dopo essere rimasta incinta. Da quel momento, la sua vita ha preso un’altra direzione, tra b-movie erotici e dipendenza dalla droga.

Plato, in quel periodo, è stata addirittura arrestata per rapina a mano armata. L’attrice è deceduta a soli 34 anni, nel 1999, per overdose. Il figlio, Tyler Lambert, si è suicidato nel 2010.

Conrad Bain, interprete del signor Drummond, è morto nel 2013 a 89 anni per cause naturali. Charlotte Rae, nota per il ruolo della signora Garrett, è morta a 92 anni nel 2018: da diversi anni stava lottando contro il cancro.

Conrad Bain
Conrad Bain (foto web)

La stessa sorte è toccata a Nedra Volz, che nella serie ha interpretato Adelaide Brubaker: è deceduta nel 2003, a 95 anni, malata di Alzheimer. Dixie Carter ha recitato nel ruolo di Maggie McKinney ed è morta all’età di 70 anni nel 2010, per via di complicazioni legate ad un tumore.

Leggi anche: Dr House, il cast: prima e dopo | Cosa fanno oggi gli attori protagonisti

Todd Bridges, che ha interpretato Willis, è l’unico attore rimasto in vita. Ha avuto problemi di dipendenza per diversi anni e nel 1988 ha avuto un processo per tentato omicidio di uno spacciatore. Oggi Bridges ha 56 anni e si è allontanato dal mondo dello spettacolo.