Vittorio Sgarbi, è gravemente malato | “Non c’è solo il Covid al mondo”

Fine intellettuale. Critico d’arte tra i più apprezzati al mondo, con decine di pubblicazioni. Si è scagliato contro l’ansia da Covid. Ecco perchè

I suoi “Sgarbi Quotidiani” erano uno spasso e solletico per il cervello in televisione.  Famoso per le sue sfuriate in televisione, a partire dagli anni ’90. Oggi però Vittorio Sgarbi è gravemente malato. Ed è stato proprio lui a rivelarlo in televisione.

Vittorio Sgarbi (web source)
Vittorio Sgarbi (web source)

Ricorderete la sua rissa, davanti a Giuliano Ferrara, con Roberto D’Agostino. Bicchieri d’acqua addosso e schiaffi. Negli anni ha continuato. Celebri le sue serie infinite ripetute con “capra” o con “pagato”. Oppure quando ha reso famoso ai più Geminello Alvi.

Ma Vittorio Sgarbi è un fine intellettuale. Critico d’arte tra i più apprezzati al mondo, con decine di pubblicazioni. È stato più volte membro del Parlamento e di diverse amministrazioni comunali, tra le quali quella di Milano.

Ma ha ricoperto anche il ruolo di assessore regionale. E anche di sindaco. E’ stato infatti sindaco di Salemi, in Sicilia, dal 30 giugno 2008 al 15 febbraio 2012. Dall’11 giugno 2018 è sindaco di Sutri, in provincia di Viterbo.

In questi lunghi e difficili mesi di pandemia da Covid-19 a volte ha assunto posizioni quasi negazioniste. Inneggiando alla libertà e portando avanti i soliti argomenti sulla dittatura sanitaria è stato uno dei più strenui oppositori dell’uso della mascherina: “Basta con la retorica sui medici. Non c’è solo il Covid al mondo” ha detto in un’intervista.

E, tra le motivazioni addotte per il mancato utilizzo della stessa, una vicenda molto personale. Ma se le posizioni di Vittorio Sgarbi a volte sono volutamente provocatorie, quasi macchiettistiche, i motivi rivelati dal critico d’arte sono molto seri.

La grave malattia di Vittorio Sgarbi

Negli ultimi mesi, infatti, Vittorio Sgarbi ha reso noto di essere gravemente malato. Lo ha fatto a modo suo. Con aggressività. Combattendo.

Nella fattispecie, portando avanti le sue idee libertarie contro le restrizioni imposte dalla pandemia da Coronavirus: “Ho il cancro alle palle” ha detto nella stessa intervista.

Si può condividere o meno. Di certo non può che andare l’umana solidarietà per il male che il critico d’arte sta affrontando. Sgarbi, infatti, combatte con il cancro ai testicoli. Complice anche la pandemia non è riuscito ancora a uscirne.

Vittorio Sgarbi (web source) 2
Vittorio Sgarbi (web source)

Come sappiamo, molte delle “altre” cure sono state rallentate dall’emergenza che gli ospedali hanno dovuto affrontare per via del virus: “Quando me lo hanno detto ho reagito con grande serenità ed erano tutti sorpresi”.  

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vittorio Sgarbi padre: chi sono i figli e cosa fanno nella vita | Un rapporto “difficile”

Oggi il critico d’arte continua la sua battaglia: “Non ho avuto metastasi di nessun tipo e la cosa è circoscritta”.