Assegno unico per le famiglie: in arrivo questi giorni | Ecco come fare per richiederlo

In questa settimana più di due milioni di italiani riceveranno, direttamente sul proprio conto corrente, l’assegno unico e universale per i figli a carico. Il contributo, che verrà accreditato direttamente dall’Inps, arriverà nello stesso periodo nel quale le buste paga verranno alleggerite di tante detrazioni.

E’ il momento in cui i dipendenti stanno tirando un sospiro di sollievo, dopo un lungo periodo di crisi che li ha provati economicamente. Da oggi le buste paga vedranno crescere l’importo e si riuscirà così a far quadrare più facilmente il bilancio familiare.

Assegno Unico 2022
Assegno Unico 2022 (fonte web)

Il ministro per la Famiglia e le Pari opportunità, Elena Bonetti, commenta con soddisfazione il raggiungimento di questo obiettivo che, a suo dire, “ridisegna il paradigma delle scelte nelle politiche familiari”.

La situazione delle istanze per il contributo

Le domande per il contributo sono state circa 3 milioni, ma alcune istanze sono ancora in lavorazione o addirittura respinte. L’Inps si è riservato dall’accogliere tutte le domande poiché molte si presentavano difformi.

Ecco, quindi, che qualche richiedente si è visto comparire sul sito dell’Ente un commento sullo stato della pratica, non decisivo; Le domande con alcune imprecisioni possono, infatti, essere respinte, decadute, rinunciate, in evidenza alla sede o in evidenza al cittadino. In questi due ultimi casi il contribuente può ancora intervenire cercando di sanare la posizione direttamente con l’ufficio preposto dell’Inps.

La prima tranche di pagamenti è in corso, ma riguarda le domande già pervenute dall’inizio di gennaio al 28 febbraio compreso. Chi non fosse stato così tempestivo e non avesse ancora presentato i moduli di richiesta, potrà comunque rientrare nella successiva ondata di pagamenti.

Stefano Lepri, relatore della legge delega sull’assegno unico alla Camera, rassicura i cittadini, dichiarando che c’è tempo fino a luglio per fare domanda recuperando la totalità degli arretrati.

Ad oggi le primissime domande pervenute a gennaio sono state messe in pagamento e perciò, già in questi giorni, sarà possibile vedere gli importi accreditati sul proprio conto corrente. L’Inps ha comunicato che, grazie all’intervento della Banca d’Italia, i versamenti che riguardano 5 milioni di figli beneficiari, si concluderanno per la fine del mese di Marzo.

Il modo più semplice per inviare la richiesta

E’ possibile inviare la domanda in modo completamente autonomo direttamente dal sito dell’Inps al quale si accede facilmente se in possesso dell’ormai onnipresente Spid. C’è da dire, però, che l’ente ha riscontrato un’elevata incidenza di errori nelle richieste compilate senza l’aiuto di consulenti terzi.

Assegno Unico Universale
Assegno Unico Universale (fonte web)

Ecco perché si raccomanda ai cittadini di rivolgersi a professionisti o patronati abilitati che potranno facilmente gestire sia l’inoltro della pratica, sia le eventuali risposte e richieste di chiarimenti da parte dell’Inps. Questo ulteriore sforzo è richiesto ai cittadini per permettere all’ente pubblico di ultimare con scioltezza gli accrediti degli assegni spettanti alle famiglie.

Leggi anche>>Trovato il modo per risparmiare sul carburante | E’ semplice e possono farlo tutti

Dai piani alti dell’Inps è arrivata, però, una precisazione: è necessaria la presentazione dell’Isee per calcolare in maniera adeguata l’importo da conferire. Chi, infatti, in un primo momento avesse dimenticato di allegare il modello in questione riceverà in questi giorni solo una parte dell’assegno che verrà successivamente integrato con la quota calcolata.