Caro benzina, arriva la risposta del Governo | Il taglio delle accise che conseguenze avrà?

Quali saranno le conseguenze del decreto sul caro benzina depositato nelle scorse ore dal Governo? Il presidente di Conftrasporto si è espresso al riguardo.

Nelle scorse settimane gli effetti della guerra tra Russia e Ucraina si sono fatti decisamente sentire dall’economia internazionale.

Benzina
Caro benzina, arriva la risposta del Governo (web source)

L’aumento dei costi delle materie prime ed il rialzo dei prezzi di gas e petrolio hanno scatenato tensioni e preoccupazioni per il futuro, in una situazione già difficile da prima dell’inizio dell’invasione russa.

In queste ore è arrivata una risposta da parte del Governo. È stato depositato in Gazzetta Ufficiale un decreto sul caro benzina dal titolo Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina.

Il Governo ha optato per un taglio delle accise corrispondente a 25 centesimi al litro. Quali saranno le conseguenze? Il presidente di Conftrasporto, Paolo Uggè, ne ha parlato nel corso di un’intervista con Free.it.

Il decreto sul caro benzina

Come affermato da Uggè, il Governo ha elaborato un intervento di carattere generale, rivolto anche al settore del trasporto, con un fondo di 500 milioni. A questi si aggiungeranno altri 140 milioni di interventi concordati.

Con il taglio delle accise, sarà possibile arrivare ad un risparmio di circa 35 centesimi al litro. In questo modo i prezzi, che hanno raggiunto i 2,50 euro, avranno un calo tornando alla soglia dei 2 euro.

“Mentre prima gli autotrasportatori recuperavano a 3 mesi di distanza, adesso questo tipo di misura dà liquidità alle imprese immediatamente” ha spiegato il presidente di Conftrasporto.

Uggè ha espresso la propria soddisfazione in merito all’azione intrapresa dal Governo. Il caro benzina di queste settimane ha rappresentato un enorme ostacolo per le imprese di autotrasporti.

“Questa misura ci darà fiato, avremo il tempo per recuperare e poi vediamo cosa succede” ha affermato.

Le previsioni per il futuro

Il provvedimento sul taglio delle accise sarà in vigore solamente per un mese. Per il momento ci si interroga su cosa accadrà al suo scadere: sarà il mercato a determinarlo.

Paolo Uggè
Paolo Uggè (web source)

Il presidente di Conftrasporto ha previsto “un abbattimento naturale dei prezzi”, che è la speranza delle imprese e dell’economia in generale. Infine, per Uggè ciò che manca attualmente è un intervento che vada a definire delle regole precise relative all’attività dei trasporti. “Il principio della responsabilità condivisa, i tempi di pagamento, la regolazione delle soste” ha precisato.

Leggi anche: Sciopero dei benzinai | Prevista settimana dura per i rifornimenti. Ecco quando non sarà possibile fare benzina

Si tratta di norme che andrebbero ad influire sulla sicurezza sociale della circolazione: “Debbono essere applicate, perché se non si applicano… valgono poco”.

L’intervista a Paolo Uggè sul sito Free.it: https://www.free.it/2022/03/22/taglio-benzina-e-diesel-presidente-ugge-conftrasporto-a-free-it-siamo-soddisfatti-vediamo-tra-un-mese-cosa-accade/