Marco D’Amore, conoscete il nonno? Anche lui fu un grande attore | L’uomo che gli ha trasmesso la passione

Nella sua famiglia c’è già stato un grande attore professionista. Mai come questa volte, è proprio il caso di dire che “buon sangue non mente”

Lui è ormai una vera e propria icona. Un attore in grande ascesa, grazie ad alcune interpretazioni cult. Stiamo parlando di Marco D’Amore. Negli anni abbiamo apprezzato la sua bravura recitativa. Ma sapete che anche il nonno è stato un grande attore? Buon sangue non mente.

Marco D'amore
Marco D’amore (foto web)

40enne, Marco D’Amore è principalmente noto per il ruolo di Ciro Di Marzio della serie televisiva “Gomorra”, di cui è divenuto poi anche regista nella quarta e nella quinta stagione. Una serie cult, che ha battuto record su record. E si è fatta apprezzare non solo in Italia, ma anche all’estero.

La serie è tratta, come è noto, dal bestseller di Roberto Saviano, che ha fatto conoscere ai più gli affari e la violenza della camorra. E, in particolare, del clan dei Casalesi. La serie televisiva è riuscita, addirittura, a superare il già grande successo ottenuto dal film di Matteo Garrone.

Quanto a Marco D’Amore, nel 2019 interpreta Ciro Di Marzio anche nel film “L’immortale”, diretto da lui stesso, grazie al quale ha ottenuto il Nastro d’argento al miglior regista esordiente. Sta a lui, adesso, non farsi schiacciare da un personaggio carismatico, ingombrante, che gli ha dato fama e successo. Ma che non deve rimanere l’unico mito della sua carriera.

Viste, ovviamente, le sue doti. E anche la sua discendenza.

Il nonno, un attore famosissimo

E non c’è da stupirsi, perché nella famiglia di Marco D’Amore c’è già stato un grande attore professionista. Mai come questa volte, è proprio il caso di dire che “buon sangue non mente”. Sapete chi era il nonno di Marco D’Amore?

Purtroppo è deceduto all’inizio degli anni ’90, quanto Marco aveva appena 10 anni. Il nonno di “Ciro”, infatti, si chiamava proprio Ciro, come da classica tradizione napoletana. Ciro Capezzone, che ha recitato con mostri sacri del cinema italiano, come Nino Taranto, Nanni Loy e Francesco Rosi.

Marco D'Amore (web source) 2
Marco D’Amore (web source)

Nonostante una carriera così importante, nella famiglia di Marco, fare l’attore non era visto di buon occhio. Forse si voleva qualcosa di più certo, di più tradizionale. La madre, per esempio, voleva che Marco diventasse medico o insegnante.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Marco D’Amore, ecco chi è la fidanzata dell’Immortale di Gomorra

Per questo, in una prima fase, Marco D’Amore ha avuto il rigetto per la carriera recitativa: “Volevo diventare musicista. Suonavo il flauto e il clarinetto, sognavo di cantare in un’orchestra. A recitare proprio non ci pensavo” ha detto in un’intervista. Fortunatamente ha cambiato idea circa l’arte da scegliere. E non ha dato nemmeno retta ai consigli della mamma.