Acne in età adulta | Sfatati molti falsi miti: non è vero che il cioccolato fa male, anzi…

L’acne è il tipico disturbo dell’adolescenza, ma sono tante le persone che ne soffrono anche in età adulta. Oggi i dermatologi vogliono sfatare molti falsi miti che riguardano i cibi nemici della pelle. Una gioia non solo per la cute, ma anche per le papille gustative!

Pensiamo di sapere tutto o quasi riguardo la nostra epidermide, ma le linee guida per la prevenzione e la cura della nostra pelle, smentiscono la maggior parte delle convinzioni a riguardo.

Acne
Acne (foto web)

L’acne tardiva é assolutamente accomunabile a quella giovanile. Si tratta di un iperproduzione di sebo che crea un’alta probabilità di infezione batterica. La differenza risiede solo nel fatto che mentre i ragazzi vedono comparire le fastidiose e antiestetiche pustole soprattutto sulla fronte e sulle guance, negli adulti tendono a concentrarsi sul mento sul collo e intorno alla bocca.

L’importanza della skin-care

Spiegano gli specialisti del settore che la base di partenza per risolvere questa fastidiosa problematica é soprattutto una corretta beauty routine che prevede una detersione accurata del viso e l’utilizzo di cosmetici studiati per la composizione della propria pelle (grassa, secca, sensibile).

È fondamentale ogni mattina liberare i pori dalle impurità in modo da permettere all’epidermide di rigenerarsi velocemente. Ogni giorno, alla mattina e alla sera, è necessario usare un liquido detergente e subito dopo risciacquare abbondantemente il viso. Un ruolo importante lo gioca anche l’uso di creme idratanti con alto potere esfoliante.

Molti credono che l’esposizione solare aiuti a migliorare l’acne, ma non è proprio così. Se il Sole in un primo momento sembra avere un effetto antinfiammatorio, l’eccessiva esposizione provoca la produzione di radicali liberi che peggiorano la situazione nei mesi invernali.

I medici sottolineano che molti prodotti antiacne spesso producono una più alta risposta della nostra pelle ai raggi solari ed è per questo motivo che andrebbero evitati durante la stagione più calda nella quale andrebbe prediletta esclusivamente la fotoprotezione dai raggi ultravioletti.

Non è vero che chi soffre di questo disturbo non possa utilizzare il make up. L’unica accortezza da prendere in considerazione è quella di prediligere prodotti a bassa percentuale oleosa e soprattutto compiere una completa detersione serale.

Via libera a frutta secca e cioccolato

Una particolare attenzione va certamente prestata all’alimentazione. È necessario seguire una dieta equilibrata che compensi il consumo di alimenti ad alto indice glicemico (pane, pasta e dolci), con alimenti che riducono il picco di insulina come ad esempio prodotti da forno integrali.

Mangiare il cioccolato non irrita la pelle
Mangiare il cioccolato non irrita la pelle (fonte web)

Sarebbe da evitare o quantomeno limitare l’assunzione di latticini da sostituire con prodotti ricchi di Omega-3, come avocado e frutta secca.

Leggi anche>>Ecco il frutto alleato della nostra salute | Combatte il colesterolo e previene i tumori, in più è buonissimo!

Il cioccolato, infine, da sempre considerato il più grande colpevole dell’eruzione dei brufoli, oggi è stato definitivamente scagionato. Studi scientifici dimostrano che non vi è alcuna correlazione fra le l’assunzione di cacao e la comparsa dell’acne. Il cioccolato, piuttosto, possiede un’eccezionale effetto antistress ed è anche per questo che i medici consigliano di consumarne un quadratino fondente ogni sera.