Ricongelare un cibo scongelato, si può fare o meglio evitare? Ecco i consigli da seguire

Avere una vita frenetica e con poco tempo libero è ormai diventata una costante per tutti. Questo può portare a ricorrere a cibi congelati, veloci da cucinare. Ma è possibile ricongelare un alimento che abbiamo già scongelato? La pratica è diffusa, ma non del tutto corretta.

Gestire lavoro e famiglia porta ad avere davvero poco tempo per se stessi, compresa la gestione della casa. Questo porta così a rinunciare anche a una passione comune a molti come quella per la cucina e a ricorrere a cibi pronti o surgelati, che possono essere cucinati nell’arco di pochi minuti.

cibo scongelato
prodotti surgelati (foto web)

A volte, però, anche in quest’ultimo caso si può finire per cambiare idea e si ha la necessità di ricongelare un cibo che è già stato scongelato. Si tratta di un comportamento corretto o che può finire per essere poco salutare per la nostra salute?

Nonostante sia un’abitudine più diffusa di quanto si possa pensare, è bene conoscere cosa sostengono gli esperti su questo modo di agire se si vuole evitare di andare incontro a conseguenze poco piacevoli per il proprio fisico. Anche in questo caso ci sono diversi luoghi comuni, che può essere utile per smentire una volta per tutte.

Ricongelare un prodotto scongelato: si può fare o no?

A chiarire i dubbi che in molti possono avere quando si arriva a ricongelare un prodotto scongelato è l‘Istituto Superiore di Sanità, che ha pubblicato un articolo a riguardo sul suo sito Isssalute.

Se ci si ritrova con un prodotto scongelato che non si vuole più mangiare si dovrebbe prima cuocerlo e solo successivamente arrivare a ricongelarlo. Qualora questa operazione non venisse fatta e si provvedesse esclusivamente a rimettere l’alimento in freezer, la carica microbica contenuta aumenterebbe in maniera automatica. Non effettuare la cottura avrebbe quindi l’effetto di rischio di contaminazione da parte di batteri e virus che erano presenti in origine nell’alimento crudo.

Nel momento in cui il prodotto viene scongelato a temperatura ambiente, i batteri tornano a essere vitali e si moltiplicano così nell’arco di pochi minuti. Solo dopo avere eseguito la cattura si può ricongelare il cibo.

prodotti scongelati, cotti e ricongelati
prodotti scongelati, cotti e ricongelati (foto web)

In caso di dubbio è comunque consigliabile verificare le indicazioni che sono sempre riportate sull’etichetta. In generale, la regola da tenere presente è quella di scongelare gli alimenti in frigorifero, nel forno, nel microonde o anche lasciandoli a bagnomaria cambiando magari l’acqua ogni 30 minuti.

LEGGI ANCHE >>> Soffri di mal di testa? La causa potrebbe essere la cattiva alimentazione: dì addio a questi cibi

Anche nell’operazione di ricongelamento è importante agire in modo corretto. In situazioni come questa il cibo dovrebbe essere posizionato in un apposito contenitore verificando che non ci siano spazi d’aria per non perdere i nutrienti presenti.