Autostrade, arriva la rivoluzione al casello | Nuovo sistema per il pedaggio autostradale

Ormai da anni usare il Telepass rappresenta il modo migliore per viaggiare in autostrada e non perdere tempo per il pagamento del pedaggio. Ma ora arriva finalmente l’alternativa, che può contrastare il monopolio.

Il pagamento del pedaggio in autostrada può richiedere del tempo soprattutto se si decide di viaggiare nelle ore di punta o quando molti si spostano per un periodo di vacanza. Ed è per questo che molti decidono di sottoscrivere l’abbonamento al Telepass, che consente di effettuare l’operazione in maniera veloce e automatica.

Un casello Autostradale (fonte web) 12.04.2022 direttanews.it
Un casello Autostradale (fonte web)

Una pratica decisamente utile e sempre più diffusa, soprattutto da chi non ha grande pazienza e desidera risparmiare.

A partire dal prossimo mese di luglio, il canone previsto subirà un aumento per le opzioni Family e Twin. Chi lo ritiene necessario ha comunque la possibilità di recedere dal contratto entro il 30 giugno (non è prevista la disattivazione automatica).

Ormai da anni usare il Telepass rappresenta il modo migliore per viaggiare in autostrada e non perdere tempo per il pagamento del pedaggio. Ma ora arriva finalmente l’alternativa, che può contrastare il monopolio e può essere seriamente presa in considerazione proprio per la sua praticità. Si tratta di un servizio analogo che viene fornito dalla società UnipolSai. Ecco quindi in cosa consiste.

UnipolSai lancia UnipolMove: stop al monopolio di Telepass

Fino ad ora chi voleva pagare il pedaggio autostradale senza dover effettuare l’operazione personalmente non aveva molte alternative. Il Telepass, volente o nolente, era l’unica soluzione disponibile. Ora, però, non sarà più così, ma anzi spetterà all’automobilista valutare se ritenga più congeniale l’altra opzione.

Questa prende il nome di UnipolMove e, come si può immaginare, viene lanciata sul mercato da UnipolSai. L’azienda sembra avere scelto il momento migliore per renderla disponibile sul mercato, consapevole del malcontento che si sta creando tra molte persone dopo l’annuncio degli aumenti introdotti da Telepass.

La flessibilità è certamente una delle caratteristiche distintive e potrà essere l’elemento determinante per spingere molti a sottoscrivere un contratto. In caso di indecisione ogni informazione è indicata sul sito della compagnia e potrà essere utile a chiarire ogni dubbio.

UnipolMove come alternativa a Telepass (fonte web) 12.04.2022 direttanews.it
UnipolMove come alternativa a Telepass (fonte web)

 

Il servizio è disponibile per le vetture e le moto con una cilindrata di almeno 150 cc ed è gratuito per i primi sei mesi; successivamente si passerà a 1 euro al mese. Chi dovesse avere la necessità di avere un secondo dispositivo in famiglia (utile soprattutto per chi ha più di una vettura) pagherà 50 centesimi al mese. Unica condizione richiesta è quella di avere un conto corrente bancario per l’addebito.

UnipolSai effettuerà le verifiche di rito sulla situazione bancaria; nel caso in cui il cliente non dovesse essere ritenuto affidabile potrebbe optare per la mancata attivazione.

Un’altra opzione particolarmente utile è quella che viene denominata “Pay per Use“. Questa sta a indicare che il primo pagamento scatterà in automatico al primo passaggio al casello, non al momento della sottoscrizione del contratto. Chi preferisce questa versione pagherà un costo una tantum di 10 euro. In caso di lavoratori che si spostano invece con la vettura aziendale, invece, è previsto un abbonamento di 5 euro.