Sinisa Mihailovic, spunta la prima foto condivisa dalla famiglia da quando è ricoverato|Commuove tutto il web

Grande calciatore di nazionalità serba e oggi allenatore del Bologna. Il suo modo di affrontare la leucemia sta toccando tutti

Uno dei mancini più delicati della storia del calcio. Le sue punizioni erano poesia pura. Oggi allenatore, sempre un po’ burbero, ma con la sua storia sta commuovendo tutti. Parliamo, evidentemente, dell’allenatore del Bologna, Sinisa Mihailovic.

Sinisa Mihailovic (foto web)
Sinisa Mihailovic (foto web)

Oggi 53enne, di nazionalità serba. Sinisa Mihailovic ha giocato come centrocampista e come difensore con maglie importanti come quelle della Roma, della Sampdoria, della Lazio e dell’Inter. Oggi allena il Bologna.

Per quanto concerne la sua carriera di calciatore, le cose migliori le fa tra Sampdoria e Lazio. Con i blucerchiati disputa 110 presenze e segna 12 reti tra il 1994 e il 1998. Fa ancora meglio con la Lazio tra il 1998 e il 2004: 126 presenze e 20 reti.

Quasi tutte su punizione. La sua capacità di calciare i tiri da fermo con il suo mancino lo ha fatto entrare nella storia del calcio. E, ancora oggi, è considerato uno dei migliori tiratori degli ultimi anni.

Per quanto concerne la carriera di tecnico, in Italia ha allenato: Catania, Fiorentina, Sampdoria, Milan e Torino. Dal 2019 è l’allenatore del Bologna che ha sempre guidato in ottime annate

Ma, ovviamente, è la sua storia personale a colpire. Il 13 luglio 2019 annuncia in conferenza stampa di aver contratto una forma di leucemia mieloide acuta, per la quale ha previamente deciso di sottoporsi a cure immediate.

Dopo il suo rientro, tutti pensavano che il grave male potesse essere alle spalle. Sinisa era infatti rientrato più combattivo che mai. Ma un mese fa, circa, la nuova mazzata. Il 26 marzo scorso, in conferenza stampa, annuncia di doversi sottoporre a un nuovo ciclo di cure per contrastare la ricomparsa della malattia che l’aveva colpito due anni e mezzo prima.

Lo scatto in ospedale

Da alcune settimane, quindi, Sinisa Mihailovic è nuovamente ricoverato in ospedale. Ma non ha perso la voglia di vivere, di lavorare, di seguire la sua squadra anche a distanza. E nelle ultime settimane, il Bologna ha raccolto risultati importanti come la vittoria sulla Sampdoria e il pareggio a Torino contro la Juventus.

Sinisa Mihailovic in ospedale con la moglie (web source) 20.4.2022 direttanews.it
Sinisa Mihailovic in ospedale con la moglie (web source)

E c’è uno scatto che sta facendo il giro del web. Sorridente, insieme alla moglie Arianna che pubblica su Instagram il selfie insieme: è la prima immagine di Sinisa Mihajlovic condivisa pubblicamente dalla famiglia da quando – a fine marzo – il tecnico del Bologna è stato ricoverato al Policlinico Sant’Orsola di Bologna per alcuni “campanelli d’allarme” circa il rischio ricomparsa di leucemia.

Malattia che lo aveva colpito nel 2019 e che l’allenatore aveva superato dopo un trapianto di midollo osseo. “Bisogna essere duri senza mai perdere la tenerezza. Sei un Leone dal cuore tenero. Surprise”, sono le parole che la moglie Arianna accompagna allo scatto in bianco e nero pubblicato sul social. Una foto commovente.