Asia Argento, lacrime in diretta: “Ho bisogno di lavorare” | Il racconto drammatico dell’attrice

Asia Argento, uno dei volti più importanti nel mondo del cinema e della televisione. Anche lei ha dovuto superare momenti davvero critici, come ha spiegato in più occasioni.

Asia Argento è conosciuta in tutta Italia, ed anche nel mondo, per la sua carriera e non solo. Nota ai più come attrice, nel corso della sua carriera ha vinto molti premi, tra cui due David di Donatello e un Nastro d’argento.

Asia Argento (Web source) 12 aprile 2022 direttanews.it
Asia Argento in lacrime, il motivo (Web source)

E’ nata a Roma il 20 settembre 1975 ed è la figlia del celebre regista Dario. La sua vita privata è stata caratterizzata da molte relazioni. Dal 2000 al 2006 ha avuto una relazione con Morgan, con il quale ha avuto una figlia (Anna Lou).

Nel 2008 si è sposata con il regista Michele Civetta, unione dal quale è nato Nicola. Nel 2012 i due si sono separati e nel 2017 ha cominciato una relazione con lo chef statunitense Anthony Bourdain, che purtroppo è scomparso soltanto un anno dopo.

Come detto, è stata protagonista di una grande carriera e di una vita privata – per quanto tortuosa – intensa e felice, che gli ha regalato due splendidi figli. Nel corso della sua vita, non sono mancate neanche una serie di controversie internazionali.

Asia Argento, fra controversie e scandali: cos’è successo

Nell’ottobre 2017, Asia Argento è stata fra le attrici ad aver denunciato pubblicamente il produttore americano Harvey Weinstein per molestie sessuali. L’attrice ha dichiarato che nel 1997 l’uomo l’avrebbe costretta a fargli un massaggio ed a subire un rapporto orale. A quanto pare, per paura di ritorsioni, aveva scelto di non rivelare prima la vicenda.

Dopo queste agghiaccianti rivelazioni, venne decisamente criticata ed insultata sul web ed in televisione lasciando successivamente l’Italia. Ma non è finita qui.

Oltre alle molestie subite da Weinstein, l’attrice ha denunciato pubblicamente altri due episodi; un attore ed un regista italiano, quando lei aveva soli sedici anni, avrebbe avuto un comportamento sessualmente molesto mentre parlavano del personaggio che lei avrebbe dovuto interpretare.

Ed anni dopo, un regista statunitense le avrebbe fatto assumere la droga da stupro per poi violentarla mentre era incosciente. Da abuso ad abuso, da vittima ad accusata. Nel 2018, infatti, il New York Times pubblica un articolo contenente i dettagli di un accordo economico che la Argento avrebbe stipulato con l’attore Jimmy Bennett, che la accusava di molestie sessuali.

Secondo l’attore, il 9 maggio 2013 in una camera d’albergo in California – quando aveva 17 anni – la Argento gli avrebbe fatto bere alcolici per poi aggredirlo sessualmente. L’attrice ha negato tali accuse, dichiarando di non aver mai avuto niente con l’ormai 26enne.

In più, quando quest’ultimo le ha chiesto tre milioni e mezzo di dollari di risarcimento per non rivelare alla stampa le molestie, il suo ex Anthony Bourdain si è accordato per pagare all’attore 380.000 dollari ed evitare così pubblicità negativa.

Asia Argento e Jimmy Bennett: come stanno davvero le cose

Asia Argento, a “Non è l’arena”, nel 2018 ha voluto precisare non pochi dettagli su quanto apparentemente accaduto con Jimmy Bennett. La famosa attrice, tra le lacrime, ha raccontato che è stato l’uomo a molestarla.

Asia Argento (Web source) 12 aprile 2022 direttanews.it
Asia Argento, l’accusa di stupro che l’ha distrutta (Web source)

A quanto pare, è stata assalita e i due hanno consumato un rapporto durato circa due minuti e senza protezioni. Ha ammesso di aver provato le solite sensazioni di quando si trovò in una situazione simile ma con Weinstein protagonista. In più, nel 2018 svelò che avrebbe voluto solo tornare a lavorare il prima possibile.

Insomma, un vero dramma quello che Asia Argento sta attraversando, anche professionalmente oltre che privatamente. In ogni caso, adesso Asia sta bene e dopo una battuta d’arresto lavorativa, ha superato il suo difficile momento. Con la stessa grinta e forza di sempre.