Contributo a fondo perduto per le donne | Da maggio sarà possibile presentare la domanda

Questo nuovo bonus dimostra lo sforzo che sta impiegando il governo per venire incontro ai cittadini. È una manovra volta al mondo femminile che aiuterà una vasta platea di donne. Ecco come e quando presentare questa semplice domanda per ottenere l’erogazione di questo contributo economico a fondo perduto.

È una manovra che dispone di una grande disponibilità economica. Lo stanziamento a cui lo Stato ha pensato è addirittura di 200 milioni di euro destinati ad un vastissimo pubblico femminile.

Contributo a fondo perduto per le donne (fonte web) 29.04.2022 direttanews.it (1)
Contributo a fondo perduto per le donne (fonte web)

Ecco i dettagli per la presentazione della domanda

La presentazione della domanda è completamente informatizzata. Le istanze saranno gestite da Invitalia per conto del Ministero dello sviluppo economico. Per accedere al form da compilare per la richiesta del bonus, le donne interessate dovranno fornire l’identità digitale, la firma digitale e la Pec.

Ecco quali sono le date entro le quali presentare la domanda. Dalle 10 del cinque maggio 2022 si potrà compilare il modello digitale per l’avvio delle procedure di erogazione del contributo.

Si tratta di un importo economico a fondo perduto e di finanziamenti agevolati per il mondo imprenditoriale femminile. Il Ministero ha previsto sussidi per lo sviluppo ed il consolidamento delle imprese guidate e composte prevalentemente da donne.

Il contributo economico è destinato soprattutto a società che hanno quote rosa per almeno il 60% dell’organico ed a gruppi con almeno 2/3 di donne facenti parte gli organi di amministrazione.

I settori interessati alla manovra sono prevalentemente quelli industriali, delle imprese che trasformano prodotti agricoli, società di servizi al pubblico, commercio, turismo ed artigianato.

Questi gli importi erogabili attraverso il contributo

Ovviamente il contributo è definito in base ad alcune caratteristiche che l’impresa deve possedere. Se la società è neo fondata, e cioè costituita da meno di 12 mesi, si possono presentare progetti che prevedano un’esposizione finanziaria fino a 250.000 €.

Qualora l’impresa fosse di vecchia generazione e cioè fondata da più di un anno, l’esposizione finanziaria per la quale è possibile richiedere l’agevolazione è quasi del doppio; si parla di 400.000 € che saranno distribuite per una parte sul contributo a fondo perduto e per la restante parte su finanziamenti a tasso zero.

Il bonus per sviluppare il mondo dell'imprenditoria femminile (FONTE WEB) 29.04.2022 direttanews.it (1)
Il bonus per sviluppare il mondo dell’imprenditoria femminile (fonte web)

La particolarità alla quale prestare attenzione è però che il progetto di rinnovamento o nascita dell’impresa deve essere realizzato improrogabilmente entro i due anni successivi alla richiesta del contributo.

Entro l’arrivo di quest’estate sarà quindi possibile raccogliere tutta la documentazione necessaria per compilare le domande a favore dello sviluppo o del consolidamento delle imprese femminili. E questo un importante passo verso il rinnovamento del mondo imprenditoriale che si dirige sempre più verso l’inclusione di ogni genere di investitori.