Crisi russo-ucraina, 300 euro per ogni persona che presenta domanda | Ecco come richiederli

E’ un contributo valido per tre mesi che è possibile richiedere per se stessi e per minori per i quali si ha tutela legale, figli o minorenni presi in affidamento. Il contributo é stato pensato per offrire un sostegno economico in Italia; ecco come sarà possibile fare richiesta per ottenere la cifra.

La domanda per ricevere i soldi si presenta online. Il contributo è pari a 300 € per ogni singolo richiedente ai quali vanno aggiunti 150 € per ogni minore per il quale sia riconosciuta l’assistenza legale o la genitorialità. Ad esempio un adulto con due figli potrà richiedere un contributo di 600 €.

Contributo di 300 a persona (fonte web) (1)
Contributo di 300 a persona (fonte web)

Il termine per usufruire dell’aiuto economico é il 31 dicembre 2022

La manovra fa parte di un complesso di interventi previsti dal decreto Ucraina e poi inglobati nell’ordinanza della Protezione Civile. Potranno accedere allo stanziamento economico massimo 60.000 persone che dovranno richiedere l’aiuto entro il 31 dicembre 2022.

Per richiedere il contributo si può compilare un modello presente nel sito della Protezione Civile nel quale è richiesto l’inserimento di semplici dati personali: il codice fiscale del richiedente, un numero di recapito telefonico e un indirizzo email.

I requisiti per accedere allo stanziamento di fondi sono riassunti in un riepilogo disponibile sulla piattaforma della Protezione Civile. Le istruzioni sono dettagliate e disponibili in italiano, inglese ed ucraino.

I soldi sono destinati alle persone che sono in fuga dalla guerra in Ucraina che però abbiano già trovato una sistemazione in autonomia presso famiglie ospitanti di qualsiasi nazionalità, parenti di ogni grado e amici.

Il contributo di 300 € ai quali vanno aggiunti 150 € per ogni minore di 18 anni, vale per i 90 giorni successivi all’ingresso in Italia ed è destinato a chi ha già presentato la domanda di permesso di soggiorno. Gli estremi del codice fiscale, infatti, sono indicati nella ricevuta della domanda di permesso di soggiorno per protezione temporanea.

Uno stanziamento economico importante per il popolo in fuga dalla guerra

È una misura che vuole favorire la sistemazione dei profughi in fuga da un paese sotto assedio. Sono persone che fino a poco più di due mesi fa avevano una vita normale e che mai avrebbero pensato di dovere stravolgere la propria quotidianità e quella dei propri cari in maniera così crudele e drastica.

Il contributo a favore dei profughi in fuga dall'Ucraina (fonte web) 05.05.2022 direttanews.it (1)
Il contributo a favore dei profughi in fuga dall’Ucraina (fonte web)

Ci si augura che con questo aiuto, che spinge i civili ucraini a trovare una sistemazione nel nostro paese, molta gente possa ritrovare la serenità perduta e, soprattutto i minori, possano ritornare a crescere in un clima sereno e adatto alla loro età dell’innocenza.

Sono soldi che aiutano a ritrovare la dignità e la forza di vivere a una popolazione che è stata travolta da un’improvvisa tragedia sociale ed umanitaria che nessun popolo merita.