La bella stagione porta multe inaspettate | Se commetti queste infrazioni “estive” in auto ti salassano

Le temperature sono destinate ad alzarsi già nei prossimi giorni in tutta Italia e ci spingeranno ad avere comportamenti per molti usuali quando si viaggia in auto. In realtà, questi sono vietati dal Codice della Strada e possono portare a multe pesanti e non solo.

L’estate è ormai alle porte e porterà ovviamente con se un rialzo delle temperature in tutto il nostro Paese. Girare in auto per chi non sopporta il caldo potrebbe essere piuttosto difficile.

Autista multato (foto web)
Autista multato (foto web)

Le alternative in questi casi sono ovviamente due: abbassare il finestrino per cercare di far entrare un po’ di aria nell’abitacolo o utilizzare l’aria condizionata. Questi due comportamenti dovrebbero però avvenire secondo una modalità ben precisa proprio perché sono disciplinati da specifiche norme contenute nel Codice della Strada.

Sapere quindi cosa è consentito fare e cosa no diventa quindi indispensabile se non si vuole andare incontro a multe, anche piuttosto pesanti, oltre che alla decurtazione dei punti della patente.

Attenzione a come guidi l’auto in estate: le multe possono essere davvero dietro l’angolo

Quando la temperatura esterna comincia a essere particolarmente elevata e si deve affrontare un viaggio in auto anche piuttosto lungo può diventare quasi naturale abbassare il finestrino. Questo infatti consente di far entrare un po’ di aria all’interno dell’abitacolo e di avvertire un po’ di refrigerio.

Attenzione, però, se si decide di farlo non si deve guidare mantenendo il braccio o il gomito fuori dal finestrino. Questo modo di agire, che è più diffuso di quanto si possa pensare, è infatti vietato dal Codice della Strada e per un motivo ben preciso. Si pensa infatti che questo possa impedire di avere un pieno controllo della vettura e quindi impedire di svoltare o frenare correttamente quando necessario.

A spiegarlo è l’articolo 141, comma 2. “Il conducente deve sempre essere in grado di compiere tutte le manovre necessarie in condizione di sicurezza, specialmente l’arresto tempestivo del veicolo entro i limiti del suo campo di visibilità e dinanzi a qualsiasi ostacolo prevedibile. È infatti fondamentale che questi riesca a conservare sempre il controllo del proprio veicolo”.

E per far sì che questo possa accadere è determinante avere entrambe le mani sul volante. Impossible non saperlo, si tratta infatti di una delle prime cose che ci viene insegnata a scuola guida.

auto abitacolo
Foto | Pixabay

Ma non è finita qui. Molto spesso se l’afa si fa sentire in maniera opprimente arriviamo ad accendere l’aria condizionata, che può rivelarsi davvero provvidenziale in molti casi. Anche questo comportamento, però, deve avvenire secondo regole ben precise.

È infatti vietato farlo mentre si è in sosta perché così si finisce per inquinare. L’unica eccezione è data quando il mezzo è fermo per poco tempo, come ad esempio accade quando si devono far salire o scendere altri passeggeri per poi ripartire.

Ma quali sono le conseguenze a cui si può andare incontro? In entrambi i casi davvero poco piacevoli. La multa può essere infatti superiore ai 400 euro, oltre alla possibile decurtazione dei punti dalla patente.