Sinisa Mihajlovic, quel dettaglio sulla malattia tenuto nascosto | Nessuno lo sapeva

Negli ultimi mesi ha commosso tutti con la sua battaglia contro la leucemia. Una malattia che sta affrontando con grande coraggio ma alcuni dettagli sono usciti solo adesso

Nel 2019, la sua storia ha commosso tutti. Sinisa Mihajlovic annunciò la propria malattia. Gravissima. La leucemia. Lo fece non riuscendo a trattenere le lacrime. Lui che è sempre stato un duro. Dentro e fuori dal campo. Da quel momento una lunga battaglia contro quel brutto male. Ma c’è qualcosa che Sinisa è riuscito a tenere nascosto.

Sinisa Mihajlovic (foto web)
Sinisa Mihajlovic (foto web)

Ex calciatore serbo dal sinistro sopraffino. Una carriera dipanatasi per lo più nel campionato italiano. Da anni, peraltro, Sinisa è anche nostro connazionale. L’arrivo in Italia con la Roma. Poi il passaggio alla Sampdoria. Ma è dall’altra parte del Tevere che Mihailovic gioca più partite: nella Lazio. Chiuderà la carriera nell’Inter. Vanta 58 presenze e 10 reti nella nazionale jugoslava.

Da calciatore, le cose migliori le fa tra Sampdoria e Lazio. Con i blucerchiati disputa 110 presenze e segna 12 reti tra il 1994 e il 1998. Fa ancora meglio con la Lazio tra il 1998 e il 2004: 126 presenze e 20 reti. Quasi tutte su punizione. La sua capacità di calciare i tiri da fermo con il suo mancino lo ha fatto entrare nella storia del calcio. E, ancora oggi, è considerato uno dei migliori tiratori degli ultimi anni.

Per quanto concerne la carriera di tecnico, in Italia ha allenato: Catania, Fiorentina, Sampdoria, Milan e Torino. Dal 2019 è l’allenatore del Bologna che ha sempre guidato in ottime annate.

Il dettaglio nascosto

Personaggio certamente non banale, Sinisa Mihajlovic. In passato hanno suscitato polemiche alcune sue uscite di natura politica, soprattutto con riferimento alle frange nazionaliste serbe. Lui che nella sua vita ha conosciuto anche gli orrori della guerra.

Ma negli ultimi mesi ha commosso tutti con la sua battaglia contro la leucemia. Una malattia che sta affrontando con grande coraggio, anche grazie al sostegno della famiglia e della città di Bologna. Sinisa Mihajlovic, infatti, è attualmente allenatore dei felsinei.

Il 13 luglio 2019 annuncia in conferenza stampa di aver contratto una forma di leucemia mieloide acuta, per la quale ha previamente deciso di sottoporsi a cure immediate. Dopo il suo rientro, tutti pensavano che il grave male potesse essere alle spalle. Sinisa era infatti rientrato più combattivo che mai. Ma un mese e mezzo fa, circa, la nuova mazzata.

Sinisa Mihailovic (web source) 7.5.2022 direttanews.it 2
Sinisa Mihajlovic (web source)

Il 26 marzo scorso, in conferenza stampa, annuncia di doversi sottoporre a un nuovo ciclo di cure per contrastare la ricomparsa della malattia che l’aveva colpito due anni e mezzo prima.

Quello che non tutti sanno, è che Sinisa aveva già avuto dei pericolosi campanelli d’allarme sul ritorno della malattia. I primi problemi circa un mese prima dell’annuncio, il 26 febbraio, nell’ambito della sfida contro la Salernitana.

Ma la situazione si fa più seria nel match successivo contro il Torino. Mihajlovic si sottopone anche a un intervento chirurgico e rientra subito a casa, anziché trascorrere una settimana in osservazione come prescritto.

Il giorno dopo, addirittura, ha diretto l’allenamento della squadra, che in quel periodo doveva risalire la classifica. Una storia di grande forza e di grande attaccamento ai colori del Bologna.