Allarme detersivi, ce ne sono diversi pericolosi per la nostra salute ma sono ancora in vendita | Ecco quali

E’ lunga la lista dei detersivi altamente pericolosi segnalati ed ancora in vendita sul mercato. In alcuni casi si tratta di prodotti detergenti che contengono sostanze corrosive utilizzati senza nessun avvertimento per i consumatori.

Le dovute segnalazioni sono state attuate ma in pratica, a distanza di molti mesi, non è stato fatto alcun richiamo e questo significa che sul mercato circolano prodotti contenenti sostanze chimiche potenzialmente pericolose che i consumatori continuano ad utilizzare.

Detersivi (foto web)
Detersivi (foto web)

Vediamo nel dettaglio: nel 2021 il laboratorio cantonale di Basilea in Svizzera, analizzando circa 50 prodotti fra detersivi e detergenti per le pulizie, aveva segnalato 18 di questi come potenzialmente pericolosi per la salute e per l’ ambiente ma nonostante questo, alcuni sono ancora in vendita. La rivista K-Tipp è una rivista Svizzera che si occupa da sempre di studiare la qualità dei prodotti immessi sui mercati e utilizzati dai consumatori, dal cibo ai prodotti per l’ igiene personale, ai prodotti per le pulizie della casa.

Quale sostanze nocive contengono questi detersivi

In alcuni casi, questi prodotti contengono sostanze corrosive ed uno dei problemi principali è la messa in in commercio senza le dovute avvertenze per gli utilizzatori. L’allarme è stato lanciato dalla rivista K-Tipp che ha ricevuto l’ elenco dei prodotti pericolosi dal laboratorio cantonale di Basilea sulla base della legge sull’ informazione pubblica. La rivista appunto denuncia che i produttori minimizzano i rischi sull’uso delle sostanze chimiche contenute nei prodotti senza darne preavviso ai consumatori. Di 50 detersivi esaminati solamente 2 soddisfacevano tutti i requisiti di legge.

detersi inquinanti (Fonte Web)
detersi inquinanti (Fonte Web)

I prodotti incriminati

Fra i prodotti incriminati il Cif crème citrus, (versione svizzera), che nonostante le segnalazioni è ancora in vendita in Svizzera e continua ad essere acquistato. Questo prodotto viene venduto con la stessa confezione colorata di fumetti molto criticata. Stessa cosa per il prodotto “Wilderness Wash” che ad oggi è ancora sugli scaffali senza le indicazioni di legge che dovrebbe contenere.

Di seguito i prodotti segnalati da K-Tipp suddivisi in base ai rischi:

Detersivi per i piatti irritanti per gli occhi

Coop (Svizzera) “Oecoplan Camomille”;

  • “Biobaula Öko” (negozi bio);
  • “Sodasan Lemon Freshness” (negozi bio);
  • “Sea to Summit Wilderness Wash” e “Laundry Wash” (mercati e bancarelle svizzeri).

Detersivi pericolosi per i bambini perché con confezioni che li fanno  sembrare giocattoli

  • per lavastoviglie “Fox” venduto nelle Coop (Svizzera) in edizione limitata “Aquatic” (confezione con un disegno di un pesce pagliaccio e corallo);
  • “Fox” variante “Raspberry” con disegno di frutta rosa;
  • “Cif Crème Citrus” di Unilever (ediz. “La Svizzera si traveste”) con le immagini di due bimbi dei cartoni animati.
  • Troviamo poi prodotti per le pulizie speciali:
  • per piscine “Reva-Sol Acide” contenente il tensioattivo vietato ottilfenolo etossilato: una volta nell’acqua, anche in quantità minime, può danneggiare l’ambiente acquatico
  • “WM 33” per pulire i mop  e “Carela Gips-Ex”, detergente per la dissoluzione dei depositi di gesso contenente una quantità eccessiva di EDTA, non facilmente biodegradabile. Può provocare l’accumulo di metalli pesanti in acqua.

Certamente i prodotti per le pulizie ci aiutano, ma siamo sicuri che servono proprio tutti? Diverse associazioni di consumatori consigliano un detergente multiuso come unico prodotto per limitare i rischi ambientali, alla persona ed allo spazio nei ripostigli.