Contributi a fondo perduto fino a 25.000 euro | Ecco come e quando presentare la domanda

L’Agenzia delle Entrate tramite un recente provvedimento ha stabilito le modalità e i tempi secondo i quali va inoltrata la domanda per ricevere il contributo a fondo perduto previsto dal decreto Sostegni ter. Un altro intervento per garantire un po’ di respiro dopo questo lungo periodo di crisi economica.

Il contributo che sarà erogato nei prossimi mesi è contenuto in una misura precedente, il decreto Sostegni bis, seguito da un rifinanziamento avvenuto nei primi mesi di questo anno. La manovra è stata pensata per fronteggiare il protrarsi delle difficoltà economiche che ha colpito gli italiani.

Contributo a fondo perduto (fonte web) direttanews.it
Contributo a fondo perduto (fonte web)

Modalità e termini per l’inoltro della domanda

La procedura per l’inoltro dell’istanza é completamente informatizzata. Basterà compilare i moduli presenti sul sito dell’Agenzia delle Entrate, come dettagliatamente descritto dal provvedimento del 18 maggio pubblicato dallo stesso ente. Con questo provvedimento sono stati presentati hai contribuenti il modello per la domanda, le istruzioni per la compilazione e le specifiche tecniche che spiegano la destinazione del contributo economico finanziato dallo Stato.

Per inoltrare la domanda è necessario che il modello venga compilato direttamente dal soggetto richiedente. Non si potrà quindi avvalersi dell’aiuto di professionisti terzi se non esclusivamente per la compilazione.

I termini per l’inoltro della domanda sono fissati in una finestra temporale di tre settimane. Il primo giorno utile per l’invio del modello compilato sarà il prossimo 6 giugno e non si potrà inviare alcuna altra domanda oltre la data di scadenza fissata per il 20 giugno 2022.

Lo stanziamento della copertura finanziaria prevede, comunque, un calcolo a seguito della ricezione di tutte le istanze presentate che permetterà un’erogazione economica distribuita in base ai maggiori diritti documentati. Ogni soggetto, quindi, riceverà una somma differente in base ai requisiti, ma che comunque non potrà superare i 25.000 euro.

Queste le categorie interessate dalla manovra finanziaria

Interessate a questo sostegno e quindi beneficiari del contributo a fondo perduto previsto dal decreto sostegni ter, saranno le attività come discoteche, sale da ballo, night club che comunque rientrino nel codice Ateco 2007 93.20 9.10.

Non tutte le attività appartenenti a questo settore, però, potranno richiedere l’agevolazione economica; i requisiti da rispettare sono due: il soggetto richiedente deve possedere la partita iva attiva e in contemporanea l’attività deve essere chiusa a causa delle restrizioni anti Covid previste dai decreti legge vigenti.

Il contributo per le discoteche chiuse a causa del covid (fonte web) direttanews.it (1)
Il contributo per le discoteche chiuse a causa del Covid (fonte web)

Vi è, inoltre, la necessità di rispettare un requisito reddituale specifico: le imprese devono dimostrare di non aver ricavato nell’anno 2019 un importo superiore a due milioni di euro e di avere subito a causa della pandemia una riduzione del fatturato di minimo il 30% nel 2021.

Il servizio istituito per l’erogazione del contributo a fondo perduto per le discoteche e le sale da ballo è disponibile nell’area riservata del portale alla voce “fatture e corrispettivi”. Sarà sufficiente quindi accedere a tale area per inoltrare la domanda.